LA CHIUSA – di Giuffrida Margherita e Ientile

Logo La ChiusaIndirizzoContrada La Chiusa-Beviero, Sp43 – 92010 Montevago (AG)
Tel.: +39 091 328445
Cell: +39 347 8782011
Sito: www.lachiusavini.it
Email: info@lachiusavini.it
Azienda Bio:


laVINIum – 12/2017

È mia ferma convinzione che sia molto importante conoscere le persone che si occupano di un’attività tanto complessa come la vitivinicoltura, la loro personalità è un valore, un contributo a comprendere più a fondo il loro percorso produttivo e le ragioni delle scelte che lo contraddistinguono. Stefano Ientile ha lo sguardo profondo, nei suoi occhi si legge l’orgoglio isolano e l’amore per la propria terra, assaggiando i suoi vini tutto questo traspare perfettamente, sebbene abbia iniziato questa attività solo nel 2011.
L’azienda si trova in contrada La chiusa-Beviero a Montevago, in provincia di Agrigento, parliamo quindi di Sicilia, per la precisione dell’area collinare sud-occidentale, a 400 metri s.l.m. e a soli 20 km dalla costa. Libeccio e Maestrale alternano i loro influssi su questo altopiano calcarenitico; siamo in una delle zone dove il terremoto del ’68 ha fatto molti danni, ancora visibili nei ruderi del vecchio paese. La superficie di proprietà è di circa 10 ettari, ripartiti fra vigneti e uliveti, il clima si rivela ideale perché, oltre al passaggio quasi costante dei venti, riceve l’influenza del mare, sia per via aerea, sia nei componenti minerali che in milioni di anni ha depositato nel terreno.
Stefano ha da subito scelto di impostare con la sua famiglia il lavoro con metodo biologico e artigianale, nel rispetto del territorio e dell’ambiente, puntando alla massima qualità possibile. Le uve allevate sono catarratto e grillo per i vini bianchi, allevate nella parte più a sud del vigneto, su terre rosse di natura calcarenitica, medio-argillose e a tratti quasi sabbiose; mentre syrah, nerello mascalese e perricone, destinate ai vini rossi, risiedono nella parte nord, dove il terreno è più argilloso e di medio impasto.
Il syrah è un vitigno al quale Stefano crede molto, non a caso lo propone in diverse versioni, tenendo conto dell’eterogeneità dei suoli dove risiede.
È importante precisare che il lavoro in biologico di Stefano si forgia sulla biodiversità: la vite non è sola, ma condivide la propria esistenza con alberi da frutto, ulivi e piante spontanee, leguminose, erbe che, alternate al letame, contribuiscono in ogni stagione a fornire un importante contributo al nutrimento necessario al terreno affinché sia biologicamente sempre vivo.
Queste condizioni ideali consentono l’abolizione di diserbanti, anticrittogamici e prodotti di natura sintetica. Le arature sono poco profonde e il lavoro è quasi totalmente manuale, ogni pianta è seguita con attenzione meticolosa, dalle spollonature ai diradamenti occasionali, per avere rese contenute e una qualità delle uve decisamente ottimale.
Nonostante il clima stia mutando in tutto il mondo, qui è ancora possibile fare a meno di irrigare, grazie a terreni sempre freschi e ben drenati. L’ultimo scoglio, l’uso di rame e zolfo, ammesso anche in biologico, è ogni anno sempre più limitato, nonostante agli inizi dell’estate si possono affacciare fastidiosi attacchi di oidio.
Stefano sta anche approfondendo la conoscenza della biodinamica e delle cure alternative, utilizzando i tipici preparati, ma anche prodotti omeopatici e micorrize.
Come tutte le persone che hanno uno spirito saggio, Stefano sa bene che ha molto da imparare, ogni anno, vendemmia dopo vendemmia; le sue idee, i suoi progetti sono sempre legati alle risposte della terra e del clima, il vino è una sua creatura, deve piacere prima di tutto a lui e, sebbene siamo alle prime annate in commercio, i risultati sono già di notevole livello, testimoniano che è partito con il piede giusto e che il luogo dove le vigne dimorano è sicuramente vocato per fare qualità, ma sarà la sua mano, la sua esperienza a concretizzarlo, noi siamo qui per raccontarvelo.

Vini degustatiAnnataPrezzoVoto
Santa Margherita di Belìce Catarratto Pietragialla2016da 10 a 15 euro@@@@
Sicilia Syrah Tafù2016da 10 a 15 euro@@@@
LaVinaRosa Rosato di Syrah2016da 10 a 15 euro@@@@
Sicilia Syrah San Domenico2015da 15 a 25 euro@@@@
Passyrah Vendemmia Tardiva2015da 25 a 50 euro@@@@@

RECENTI

  • Colli Bolognesi Bologna Bianco Bentivoglio 2016

    Colli Bolognesi Bologna Bianco Bentivoglio 2016

  • Colli Bolognesi Pignoletto Superiore Zigant 2016

    Colli Bolognesi Pignoletto Superiore Zigant 2016

  • Colli Bolognesi Pignoletto Frizzante 2016

    Colli Bolognesi Pignoletto Frizzante 2016

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2018 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani