BOFFALORA – Azienda Agricola di Guglielmo Giuseppe

Logo BoffaloraIndirizzo: Via Balzarro, 48C – 23012, Castione Andevenno (SO)
Telefono: +39 347 4892385
Fax:
WWW: www.viniboffalora.it
Email: aziendagricolaboffalora@gmail.com


laVINIum – 6/2017
Giuseppe Guglielmo rappresenta una delle più interessanti realtà valtellinesi degli ultimi anni, appartiene ad una generazione di vignaioli che non disdegnano il confronto, la collaborazione, il reciproco supporto. Giuseppe è nato prima come apicoltore, nel 2002, per poi giungere all’amore per la vigna nel 2005; per alcuni anni ha conferito l’uva ad altre aziende, ma dal 2009 ha deciso di fare il salto e produrre i propri vini, il Rosso di Valtellina, il Valtellina Superiore e lo Sforzato.
L’azienda si trova nel comune di Castione Andevenno, dove si sviluppa la sottozona Sassella, le vigne sono di piccole dimensioni e distribuite attorno alla Contrada Balzarro, alcune di esse hanno piante centenarie, come quelle della vigna Canovi, coltivata a ritocchino, con i filari perpendicolari alla valle, con piante dei primi del ‘900 e altre degli anni ’30, un vero tesoro che Giuseppe cura in maniera meticolosa, consapevole del patrimonio delicato che ha a disposizione.
Nel 2008, un’area di mezzo ettaro che in passato era a bosco, chiamata “Boffalora”, è stata convertita in vigneto con i filari a girapoggio, quindi paralleli alla valle. Nella primavera del 2013 Giuseppe ha rilevato da un vecchio contadino un piccolo appezzamento in pendenza di 4000 mq, dove ha impiantato un nuovo clone di nebbiolo. L’ultimo acquisto risale al 2015, un altro appezzamento a forma di anfiteatro situato in località Guasto, dove ha impiantato altre barbatelle di nebbiolo.
Nonostante sia già impegnativo coltivare la vite sulle pendenze della Valtellina, Giuseppe ha da subito tenuto cura affinché si mantenesse la biodiversità, dovuta principalmente allo sviluppo di piante spontanee nate dal progressivo abbandono dei vigneti da parte degli anziani contadini locali. Anche il bosco ha un ruolo fondamentale, garantisce una certa protezione nei periodi climatici difficili, maggiore equilibrio ed armonia dell’ecosistema. Affinché si possa respirare l’aria senza timori e si produca un vino il più possibile sano, i trattamenti vengono ridotti al massimo, vengono lasciati inerbiti i filari, si lavora con la lotta integrata, spesso altrettanto se non più efficace dei prodotti chimici. Del resto l’attività di apicoltura favorisce un’abbondante presenza di questi insetti anche in vigna.
La cantina è stata ricavata all’interno di un casolare in pietra un tempo adibito a zootecnia, con un livello interrato dove i vini vengono fatti maturare nelle botti, un livello superiore dove si svolge la vinificazione e la movimentazione delle bottiglie, a cui è stato aggiunto nel 2013 un piccolo fruttaio aperto e ventilato, dove far appassire le uve per lo Sforzato.
La cantina è condivisa con un altro viticoltore di cui vi ho più volte raccontato, Siro Buzzetti, a testimonianza del grande senso collaborativo che vige tra le nuove generazioni, dimostrato anche da frequenti degustazioni organizzate collettivamente.

Vini degustatiAnnataPrezzoVoto
Rosso di Valtellina Umo2014da 10 a 15 euro@@@@
Valtellina Superiore Pietrisco2013da 15 a 25 euro@@@@
Sforzato di Valtellina Runco de Onego2013da 25 a 50 euro@@@@@

RECENTI

  • Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Cuvée del Fondatore 2016

    Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Cuvée del Fondatore 2016

  • Lambrusco Grasparossa di Castelvetro

    Lambrusco Grasparossa di Castelvetro

  • Prosecco Extra Dry

    Prosecco Extra Dry

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani