POGGIOTONDO – di Lorenzo Massart

Indirizzo: Località Poggiotondo – 52010, Subbiano(AR)
Telefono: +39 0575 48182, +39 055 288095
Fax: +39 055 294642
WWW: www.poggiotondo.it
Email: info@poggiotondo.it


laVINIum – 01/2013
Lorenzo Massart e Cinzia Chiarion gestiscono la loro azienda dedicandosi rispettivamente al vino e all’olio. Hanno le idee chiare su come portare avanti la loro attività, niente compromessi, i tecnici collaborano ma le decisioni sono le loro, la filosofia è quella di mantenere viva la tradizione del Casentino producendo con le uve e le cultivar tipiche della zona. Qui regnano il sangiovese, il canaiolo, il trebbiano e la malvasia. L’unico “forestiero” è il merlot che dà un piccolo contributo al C66, nato da un’idea di Cinzia.
Questa volta abbiamo degustato il Poggiotondo 2008, il C66 2008, il Vinsanto del Chianti Collefresco 2005 e riprovato il Chianti Le Rancole 2006, che un anno e mezzo fa ci era sembrato con buone prospettive evolutive. E in effetti…

03/2011
Un anno e mezzo fa vi avevamo presentato questa interessante azienda del Casentino, proponendovi due suoi prodotti, il Chianti Le Rancole 2005 e il Poggiotondo 2005. Questa volta abbiamo allargato il campo d’azione, inserendo oltre a due nuove annate dei vini citati, altre due tipologie: l’eccellente Vinsanto del Chianti Collefresco 2003 e una “chicca” proveniente da un’idea di Cinzia Chiarion, che normalmente si occupa dell’olio aziendale, dall’emblematico nome “C66”, millesimo 2007. Si tratta di 666 bottiglie, quindi un vino la cui reperibilità è rimandata essenzialmente alle prossime vendemmie, ma che ha una sua importanza per il ruolo che avrà all’interno della gamma proposta. Infatti è un prodotto che si distingue per i suoi tratti più morbidi e avvolgenti, un sangiovese quasi in purezza, accompagnato da una piccola quota di merlot, che riposa per ben 2 anni in tonneau e sembra avere le carte per una notevole longevità. Insomma un’azienda da tenere in considerazione, soprattutto perché il Casentino è un territorio sorprendente, ingiustamente conosciuto più per le qualità gastronomiche e paesaggistiche che vinicole, ma che merita invece un’esperienza più approfondita anche in questo campo.

09/2009
Siamo a Subbiano, comune del casentino a Nord di Arezzo, quindi zona all’interno dell’area chiantigiana, ma per certi aspetti ancora poco nota dal punto di vista vitivinicolo. Lorenzo non ha avuto dubbi quando ha deciso di portare avanti l’azienda di famiglia in località Poggiotondo, acquistata nel 1973: questi terreni argillosi e ricchi di scheletro, il classico galestro, situati in posizione collinare, l’età media di 30 anni dei vitigni che da sempre dimorano qui, il sangiovese e il canaiolo e una piccola percentuale di malvasia e trebbiano, sono tutti elementi che offrono l’opportunità di fare ottimi vini. Così Lorenzo, di professione avvocato, con la moglie Cinzia decide di dare l’avvio alla realizzazione di un sogno, fare vino e olio di qualità.
Con l’aiuto di Augusto Zarkis (agronomo), di Carlo Sala per il vino e di Giorgio Pannelli per l’olio, Lorenzo prende sempre più confidenza con questa terra, se ne innamora ogni giorno di più, rubando tempo al suo lavoro principale. Nella testa c’è la voglia e la consapevolezza di poter fare bene, di ottenere i suoi vini, quelli che lui ha sempre immaginato qui, vini toscani, di territorio, senza ammiccamenti verso questa o quella moda. La produzione prevede due rossi, il Poggiotondo e il Chianti Le Rancole, tutti e due ottenuti da sangiovese e canaiolo; quando le annate lo consentono, l’azienda produce anche una vendemmia tardiva (Gumàs) e il Vinsanto di Poggiotondo.
Non meno importante è la produzione di olio, ottenuto dagli oltre 800 ulivi di proprietà: le olive, prevalentemente della varietà moraiolo, vengono brucate a mano e molite la sera stessa della raccolta, l’olio che se ne ricava viene imbottigliato senza subire filtrature.

Vini degustatiAnnataPrezzoVoto
C662007da 15 a 25 euro@@@@
C662008da 15 a 25 euro@@@@
Chianti Le Rancole2005da 10 a 15 euro@@@
Chianti Le Rancole2006da 10 a 15 euro@@@
Chianti Le Rancole2006da 15 a 25 euro@@@@
Chianti Superiore2014da 10 a 15 euro@@@
Poggiotondo2005da 10 a 15 euro@@@
Poggiotondo2007da 10 a 15 euro@@@
Poggiotondo2008da 10 a 15 euro@@@
Vinsanto del Chianti Collefresco2003da 25 a 50 euro@@@@
Vinsanto del Chianti Collefresco2005da 25 a 50 euro@@@@@

RECENTI

  • Riviera Ligure di Ponente Vermentino Vigna Sorì 2016

    Riviera Ligure di Ponente Vermentino Vigna Sorì 2016

  • Riviera Ligure di Ponente Pigato Cygnus 2016

    Riviera Ligure di Ponente Pigato Cygnus 2016

  • POGGIO DEI GORLERI

    POGGIO DEI GORLERI

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani