VIETTO

Azienda Agricola ViettoIndirizzo: Località Panerole, 16 – 12060 Novello (CN)
Tel/Fax:+39 0173 731379
Sito: www.vietto.it
Email: info@vietto.it


LaVINIum 6/2020
Difficile non notare il bricco di Panerole, in comune di Novello, quando si percorre la strada che da Monforte d’Alba va a Barolo. Qui i nonni di Davide e Luigi Vietto acquistarono la cascina omonima nel dopoguerra, allora la maggior parte degli agricoltori producevano vino per consumo famigliare. Oggi Panerole è una delle 170 MGA del Barolo (Menzione Geografica Aggiuntiva, si distingue dal “cru” perché il perimetro non coincide necessariamente col vigneto, ma può comprendere al suo interno anche boschi e terreni destinati ad altre colture) e occupa un’area vitata di poco superiore ai 40 ettari, a un’altitudine che va dai 320 a quasi 390 metri s.l.m.; a fianco del nebbiolo, che rappresenta la varietà principale coltivata, troviamo anche barbera e dolcetto, più qualche ettaro destinato a produrre vini bianchi.
Panerole è una frazione che conta su una quarantina di abitanti, pur essendo più vicina a Barolo, fa parte del comune di Novello.
Qui i fratelli Vietto dividono gli appezzamenti vitati con numerosi produttori (Franco Conterno, Cascina Ballarin, Famiglia Anselma, Giovanni Sordo, Terre del Barolo, Elvio Cogno, Gomba e altri), a testimonianza che in Langa è molto frequente questa ripartizione di “spicchi di cru”.

Davide e Luigi Vietto

Davide e Luigi Vietto

La parte dei Vietto si trova a sud-est, in un contesto dal clima fresco e ventilato, il salto di qualità è avvenuto agli inizi del 2000, quando hanno deciso di rinnovare l’azienda, ristrutturare la cascina e impiantare nuovi vigneti. Sul piano enologico si sono affidati alla consulenza di Piero Ballario, uno dei massimi conoscitori del territorio langhetto, che con l’altro enologo Giorgio Barbero ha fondato nel 1987 la società di consulenza VINOiN.
Lo scopo principale era quello di produrre vino di qualità mantenendo forte il legame con la tradizione famigliare e il territorio; oggi dispongono di 17 ettari ripartiti fra Novello e Barolo, con le varietà nebbiolo, barbera, dolcetto e nascetta (o nas-cetta e anascetta, come era riportata nei documenti ampelografici dell’800), una varietà a bacca bianca che rischiava l’estinzione e la cui culla d’origine sembra essere proprio a Novello; oggi sta riscuotendo sempre maggiore interesse, tanto che in pochi anni si è molto diffusa e viene utilizzata da oltre 30 produttori.

Vini degustatiAnnataPrezzoVoto
Langhe Nas-Cëtta del Comune di Novello Giuàna2018da 15 a 25 euro@@@@
Barbera d'Alba Superiore Bricco Gigi2017da 15 a 25 euro@@@@
Rosato Rosalinada 10 a 15 euro@@@
Langhe Nebbiolo2018da 15 a 25 euro@@@@
Barolo Panerole2015da 25 a 50 euro@@@@@
Barolo Bricco San Pietro2014da 25 a 50 euro@@@@

RECENTI

  • Barolo Bricco San Pietro 2014

    Barolo Bricco San Pietro 2014

  • Barolo Panerole 2015

    Barolo Panerole 2015

  • Langhe Nebbiolo 2018

    Langhe Nebbiolo 2018

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2020 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati
È vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani