Barolo Panerole 2015

Barolo Panerole 2015 ViettoDegustatore: Roberto Giuliani
Valutazione: @@@@@
Data degustazione: 06/2020


Tipologia: DOCG Rosso
Vitigni: nebbiolo
Titolo alcolometrico: 14,5%
Produttore: VIETTO
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 25 a 50 euro


Come spiegavo nella scheda aziendale, Panerole è una delle 170 MGA del Barolo, 40 ettari vitati non tutti a nebbiolo, di cui i fratelli Vietto possiedono una piccola parte; qui nasce il Barolo omonimo, le uve raccolte a mano in cassette vengono diraspate e pigiate e subiscono una fermentazione a cappello emerso, con rimontaggi giornalieri necessari a rimescolare le bucce e assicurare il contatto con ogni parte del mosto, a fine fermentazione la macerazione continua per altri 30-35 giorni; dopo svinatura e travasi si passa alla malolattica, entro dicembre inizia la maturazione in legno che durerà almeno 3 anni.In estate il vino verrà imbottigliato e affinerà per almeno 18 mesi.
Il colore è un classico granato caldo dai bei riflessi luminosi, una delle caratteristiche che mi hanno fatto innamorare del nebbiolo; il bouquet è davvero elegante, con spiccate note di viola e rosa, tabacco, liquirizia, venature balsamiche, ma anche ciliegia e leggera cannella.
Al palato conferma tutta la sua stoffa, preciso e fine, con un bel tannino smussato delle sue asperità, freschezza e sapore avvolgente, il calore generato dall’alcol non disturba perché fornisce le basi per una futura e certa armonia.

RECENTI

  • Valtellina Superiore Essenza 2017

    Valtellina Superiore Essenza 2017

  • Rosso di Valtellina Nettare 2018

    Rosso di Valtellina Nettare 2018

  • TENUTA SCERSCÉ

    TENUTA SCERSCÉ

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2020 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati
È vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani