Vasario Bianco 1999

Degustatore: laVINIum Valutazione: @@@@
Data degustazione: 09/2002


Tipologia: IGT Bianco
Vitigni: pinot bianco, sauvignon, semillon
Titolo alcolometrico: 13 %
Produttore: TENUTA DEL BUONAMICO
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 7,50 a 10 euro


Esame visivo: Cristallino, giallo paglierino carico, quasi dorato con guizzi verdolini. Molto composto e grasso nel bicchiere, indice di grande struttura, forma archetti di buona fittezza che scendono in lacrime larghe ed abbastanza lente: quasi consistente. Esame olfattivo: Vegetale al primo impatto, di erbe aromatiche quali salvia e timo ed elegante foglia di pomodoro. Poi i fiori di acacia, il loro nettare ed al centro del corredo olfattivo si ergono polposi ed eleganti, i profumi fruttati di mela golden matura, quasi cotogna e frutta esotica quale ananas maturo e papaia. Speziature dolci di vaniglia e profumi di macchia mediterranea, quasi resinosi. Di grande complessità, qualità olfattiva tendente all’eccellenza. Esame gustativo: Secco, abbastanza caldo ed anche qualcosa di più, quasi morbido, sicuramente vino di sostanza. Il frutto, che già ci attendevamo polposo si sprigiona tra lingua e palato, indi nel retronaso e regala sensazioni morbide ed avvolgenti ed al tempo stesso fresche e succose grazie alla spiccata acidità coadiuvata da media sapidità. Il finale è lungo ed intenso, appagante come ci si attende, dal frutto dolce e vanigliato. Stato evolutivo: Pronto. Giudizio finale: Virtuoso connubio di struttura ed eleganza, di polpa, di morbidezza e serbevolezza. Un uvaggio di pinot bianco con aggiunte di sauvignon e semillon che si fanno sentire tanto discretamente quanto elegantemente, in questo Vasario che sembra coniugare la bontà dei grandi friulani da uvaggio con quella dei grandi chardonnay d’oltralpe e non solo. Prevediamo un’ulteriore crescita qualitativa nei futuri tre o quattro anni che ci incuriosisce. Da servirsi fresco a 10° circa in ampi calici per vini bianchi ricchi di corpo. Abbinamenti: Salmone o pesce spada affumicato, astice arrosto, lumache di Borgogna burro e prezzemolo. Si sposa bene a carni bianche cotte con erbe aromatiche, ad arista di maiale al rosmarino, a formaggi a pasta dura quali un buon Gruyère svizzero o francese da latte crudo.

RECENTI

  • Riviera Ligure di Ponente Vermentino Vigna Sorì 2016

    Riviera Ligure di Ponente Vermentino Vigna Sorì 2016

  • Riviera Ligure di Ponente Pigato Cygnus 2016

    Riviera Ligure di Ponente Pigato Cygnus 2016

  • POGGIO DEI GORLERI

    POGGIO DEI GORLERI

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani