TENUTA DEL BUONAMICO

Indirizzo: Via Provinciale di Montecarlo, 43 – 55015, Montecarlo(LU)
Telefono: +39 0583 22038
Fax: +39 0583 229528
WWW: www.buonamico.it
Email: buonamico@buonamico.com


laVINIum – 09/2013
Sono passati 12 anni da quando Tenuta del Buonamico è entrata nei nostri archivi, fu un’esperienza interessante grazie anche a Vasco Grassi, che allora, in qualità di direttore responsabile dell’azienda, ci coinvolse in una interessante degustazione dei prodotti, con un excursus su alcune vecchie annate. Sì, perché l’azienda di Montecarlo produce vino dal lontano 1964, vino ottenuto dalle varietà che da fine ‘800 dimorano nell’area vitivinicola, come i classici trebbiano e sangiovese, in compagnia dei cugini francesi sauvignon, sémillon, roussanne, cabernet sauvignon, merlot e syrah. Nulla di strano, quindi, se nella composizione dei vini del Buonamico troviamo queste varietà, che a buon diritto possiamo chiamare autoctone, visto che dimorano qui da oltre un secolo.
Oggi l’azienda è di proprietà della famiglia Fontana, ed è reduce da numerose modifiche e ampliamenti, prima fra tutti la creazione di una nuova cantina, moderna ed efficiente, completata nel 2011. Dal 2009 ogni anno, secondo un programma pluriennale, sono stati impiantati nuovi vigneti nei terreni liberi di proprietà, per portare tutta la produzione vitivinicola dai 18 ettari del 2009 fino ai 36 ettari che verranno completati nel 2014. Inoltre sempre ogni anno sono state sostituite vigne improduttive con nuovi impianti per circa 5 ettari.
La famiglia Fontana ha fortemente voluto anche la costituzione di un vigneto sperimentale di circa 1000 viti, delle varietà Canaiolo Rosa e Buonamico, varietà a bacca rossa, praticamente scomparse dalla produzione vitivinicola nazionale, ma già presenti da sempre al Buonamico. Il mantenimento di questo patrimonio genetico servirà un giorno per produrre un vino rosato vinificato da uve rosse.
Altra novità di casa Buonamico, la gamma di prodotti si è ampliata con l’ingresso di due spumanti, il Particolare Brut Rosé e il Particolare Brut, di quest’ultimo vi forniamo le nostre impressioni, accanto al Cercatoja 2010 e al sempre più sorprendente Vasario, millesimo 2010, oggi prodotto esclusivamente da uve pinot grigio.

12/2001
Montecarlo è un piccolo borgo situato sulle colline vicino Lucca. Uscendo dall’autostrada A11 ed avvicinandovisi da Sud, se ne può apprezzare le perfezione e bellezza: è un borgo situato proprio in cima ad una collina coltivata ad uliveto e vigneto. L’essere un pochino al di fuori dei circuiti turistici più famosi, quelli del Chianti Classico per intenderci, rende la visita più piacevole per coloro che vogliano praticare un turismo del vino fuori dagli schemi più inflazionati, nella Toscana più profonda, orgogliosamente contadina, ma con un grande passato, anche vinicolamente parlando: grazie alla passione ed alla competenza dei vignaioli del secolo scorso è stata una delle prime zone d’Italia a produrre vini pregiati in particolar modo “I BIANCHI”.
Verso la fine dell’800 nella zona furono introdotti i vitigni francesi Pinot bianco e grigio, Sauvignon, Semillon e Roussanne per i bianchi e Cabernet, Merlot e Syrah per i rossi.
I vitigni base erano il Trebbiano toscano ed il Sangiovese.
Negli anni trenta sia per la composizione varietale che per le tecniche di vinificazione era considerato il miglior bianco italiano. E’ stato il vino servito alle nozze dell’ultimo Re d’Italia. A quel tempo veniva chiamato “Lo Chablis” di Montecarlo.
La Fattoria del Buonamico è situata a sud-ovest di Montecarlo, nell’area di Cercatoia, e copre un’area di 37 ettari, 24 dei quali con vini specializzati. L’azienda è stata fondata agli inizi degli anni ’60 da famosi ristoranti torinesi allo scopo di fornire i loro locali con i vini di Montecarlo. Successivamente la Fattoria è stata ampliata, sia come terreni, che come cantina, in modo da poter soddisfare le maggiori richieste di una clientela sempre più desiderosa di vini di qualità. Oggi, pur lasciando inalterate le caratteristiche essenziali per una viticoltura di sapore antico, il “BUONAMICO” si è posizionato sul mercato come azienda leader di Montecarlo per la produzione di vini pregiati.

Siamo stati a Montecarlo ad inizio settembre, anche noi turisti del vino, guarda caso in paese c’era proprio una festa a questa bevanda dedicata,e lì abbiamo trascorso una delle più belle giornate delle nostre vacanze. Abbiamo visitato due cantine, di una Vi parliamo oggi, dell’altra fra qualche settimana. Presso la Fattoria del Buonamico, dopo aver telefonato giusto un’oretta prima di recarvicisi, abbiamo trovato l’accoglienza calda, pacata e gentile di Vasco Grassi, “Patron” in quanto responsabile della conduzione dell’Azienda ed anche discendente diretto dei fondatori dell’Azienda stessa, ma non “padron” dell’Azienda ora proprietà di un gruppo operante nel settore turistico-alberghiero facente capo a due imprenditori fiorentini.
Vasco ci ha condotti gentilmente ed orgogliosamente, senza neanche chiederci chi fossimo, tra il ribollir dei sili in fermentazione, tra gli strumenti per il controllo della temperatura dei fermentini stessi, tra i sistemi per l’ossigenazione controllata dei mosti, tra le botti e le barrique aziendali e ci ha proposto l’assaggio di qualcuno tra i suoi vini. Assaggio che abbiamo rinnovato pochi giorni orsono, con pazienza e precisione, tra le mura pometine che ci ospitano. Tra i prodotti aziendali ne mancavano tre all’appello: Il Fortino, vino ottenuto da uve Syrah vinificate in purezza; il Vasario, ottenuto da uve Pinot Bianco più piccole aggiunte di uve bianche provenienti dalla Francia ed introdotte in zona come dicevamo, a fine ‘800; in quanto entrambi non ancora pronti; ed il pluriosannato “Oro di Re”, una sorta di Sauternes di Montecarlo, più grande dei Sauternes di Sauternes, ottenuto da uve Sauvignon, Semillon e Pinot Bianco, vendemmiate tardivamente quando attaccate da muffa nobile.

Vini degustatiAnnataPrezzoVoto
Cercatoja2010da 15 a 25 euro@@@@
Cercatoja Rosato2000da 5,00 a 7,50 euro@@@
Cercatoja Rosso1997da 10 a 15 euro@@@@
Cercatoja Rosso2000da 10 a 15 euro@@@
Cercatoja Rosso2003da 10 a 15 euro@@@@
Montecarlo Bianco1998fino a 5,00 euro@@@
Montecarlo Bianco2000da 5,00 a 7,50 euro@@@
Montecarlo Bianco Etichetta Bianca2015da 10 a 15 euro@@@@
Montecarlo Rosso2000da 5,00 a 7,50 euro@@@
Montecarlo Rosso Etichetta Blu2013da 10 a 15 euro@@@
Oro di Re1999da 15 a 25 euro@@@@@
Particolare Brut Gran Cuvées.a.da 10 a 15 euro@@@
Particolare Brut Gran Cuvées.a.da 10 a 15 euro@@@@
Vasario Bianco1999da 7,50 a 10 euro@@@@
Vasario Bianco2001da 10 a 15 euro@@@@
Vasario Bianco2004da 15 a 25 euro@@@@@
Vasario Bianco2010da 15 a 25 euro@@@@

RECENTI

  • Ormeasco di Pornassio Peinetti 2016

    Ormeasco di Pornassio Peinetti 2016

  • Riviera Ligure di Ponente Pigato Albium 2015

    Riviera Ligure di Ponente Pigato Albium 2015

  • Riviera Ligure di Ponente Vermentino Vigna Sorì 2016

    Riviera Ligure di Ponente Vermentino Vigna Sorì 2016

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani