Valpolicella Ripasso Campo Carlin 2008

Degustatore: Roberto Giuliani Valutazione: @@@@
Data degustazione: 03/2015


Tipologia: DOC Rosso
Vitigni: corvina 60%, corvinone 20%, rondinella 10%, molinara 10%
Titolo alcolometrico: 15,5 %
Produttore: COALI – TENUTA SAVOIA
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 25 a 50 euro


Sulla tecnica del ripasso abbiamo detto tante volte, oggi è più frequente che la rifermentazione del Valpolicella annata venga fatta sulle vinacce dell’Amarone piuttosto che del Recioto, vinacce ottenute da uve appassite per tre mesi. Il vino ottenuto matura per 4 anni e mezzo in botti di rovere e poi affina in bottiglia per alcuni mesi prima di essere messo in vendita. Il risultato del Campo Carlin è davvero apprezzabile, nonostante la gradazione raggiunga quella di molti Amarone, le sensazioni sono equilibrate e non affaticano. Al colore granato pieno e di buona profondità segue un ventaglio odoroso dove affiorano note di ciliegia sotto spirito, marasca e mora in confettura, accompagnate da pennellate di rabarbaro e chinotto, cardamomo, liquirizia dolce e cacao. Al palato ha la giusta freschezza che attutisce molto bene la dolcezza del frutto, la sensazione pseudocalorica è ovviamente decisa ma non travolge e non affatica, a tutto vantaggio di un buon equilibrio d’insieme e di una bevibilità non così frequente per questa tipologia.

RECENTI

  • Ormeasco di Pornassio Peinetti 2016

    Ormeasco di Pornassio Peinetti 2016

  • Riviera Ligure di Ponente Pigato Albium 2015

    Riviera Ligure di Ponente Pigato Albium 2015

  • Riviera Ligure di Ponente Vermentino Vigna Sorì 2016

    Riviera Ligure di Ponente Vermentino Vigna Sorì 2016

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani