Tintilia del Molise S 2015

Tintilia del Molise S 2015 CatabboDegustatore: Roberto Giuliani
Valutazione: @@@@
Data degustazione: 03/2020


Tipologia: DOC Rosso
Vitigni: tintilia
Titolo alcolometrico: 14,5%
Produttore: CATABBO
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 15 a 25 euro


Proviene da un vigneto di 7,5 ettari impiantato nel 1998, situato a circa 300 metri di altitudine su suolo argilloso a medio impasto, 4.400 piante per ettaro allevate a cordone speronato con una resa media di 60-70 quintali.
La prima annata prodotta è del 2010, le uve vengono raccolte a mano in cassette e vinificate con lieviti indigeni, la fermentazione dura tra i 15 e i 20 giorni secondo l’annata; trascorre un anno in acciaio e poi alcuni mesi di affinamento in bottiglia. Il colore rubino violaceo che richiama la buccia di melanzana ci ricorda una delle caratteristiche del vitigno; l’’impatto olfattivo è leggermente austero ma presto ti avvolge con piacevoli note fruttate di mirtillo, prugna e ciliegia nera, affiancate da sentori delicati di viola e carciofo, sfumature mentolate e di noce moscata.
Generoso al gusto, con un tannino ben smussato e una sapidità decisa, affiancata da altrettanta vena acida; colpisce, nonostante l’assenza di legno, la cremosità che riesce a contenere molto bene la spinta alcolica. Nonostante sia ottimo già ora, non mi stupirei di una sua ulteriore evoluzione in positivo nei prossimi 2-3 anni.

RECENTI

  • Chianti Classico Riserva 2013

    Chianti Classico Riserva 2013

  • Chianti Classico Belvedere Campóli Riserva 2015

    Chianti Classico Belvedere Campóli Riserva 2015

  • Chianti Classico Malaspina 2013

    Chianti Classico Malaspina 2013

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2020 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati
È vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani