Sforzato di Valtellina 2010

Degustatore: Roberto Giuliani
Valutazione: @@@@
Data degustazione: 04/2013


Tipologia: DOCG Rosso
Vitigni: nebbiolo
Titolo alcolometrico: 15,5 %
Produttore: SESTERZIO
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 25 a 50 euro


Lo Sforzato dei Lardera nasce dalle zone più alte, ma soprattutto proviene da specifici cloni di nebbiolo dal grappolo spargolo, ideali per l’appassimento, che avviene in ambienti aerati in modo naturale. Come per il Maroggia, anche lo Sforzato dimora per almeno un anno in barriques di rovere. Alla vista presenta un colore granato profondo, ma sempre attraversabile dalla luce, non c’è quella concentrazione esasperata che si trova in altri vini della stessa tipologia. Il profumo è magnifico, riporta nel calice l’effetto dell’appassimento del nebbiolo, percepisce la carnosità del frutto maturo, accompagnata da sfumature di cardamomo e liquirizia, a cui si aggiunge un piacevole richiamo al cioccolato bianco. In bocca gli oltre 15 gradi alcolici non possono certo nascondersi, ma non danno fastidio perché il frutto arriva subito copioso, con quella dolcezza tipica proveniente dall’appassimento, non manca la freschezza mentre il tannino appare già in buona fusione con la polpa. Uno Sforzato che nonostante la struttura superiore, non si discosta dagli altri vini aziendali per piacevolezza e bevibilità, obiettivo non così facile da raggiungere per questa tipologia. Gran bel risultato che lo avvicina “pericolosamente” alla quinta chiocciola.
Chi

RECENTI

  • Franciacorta EBB 2013

    Franciacorta EBB 2013

  • Aleatico Lu 2015

    Aleatico Lu 2015

  • Barolo Bricco Boschis 2009

    Barolo Bricco Boschis 2009

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2018 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani