RONCHI DI MANZANO

Indirizzo: Via Orsaria, 42 – 33044, Manzano(UD)
Telefono: +39 0432 740718
Fax: +39 0432 754378
WWW: www.ronchidimanzano.com
Email: info@ronchidimanzano.com


laVINIum – 03/2011
Ci troviamo nei Colli Orientali del Friuli fra le splendide colline di Manzano dove Roberta Borghese è la protagonista delle fortune dell’azienda Ronchi di Manzano. Un sentiero alberato ci conduce verso il cielo e verso l’azienda, e quando si arriva, dall’alto si può ammirare un panorama stupendo fatto di vigneti e natura incontaminata.
Ronchi di Manzano era già stato scoperto dai conti di Trento, che ammaliati dalle sinuose colline della zona, decisero di sfruttare questo vocato “terroir” per produrre i vini da destinare ai nobili dell’impero austro-ungarico. L’azienda nasce nel 1969 ma dal 1984 è gestita da Roberta.
La famiglia Borghese, proveniente dal settore industriale della sedia, decide di comprare la proprietà e Roberta, che fino a quel momento si era occupata di tutt’altro, diventa la prima responsabile delle sorti future dell’azienda vinicola. Siamo dinanzi ad una giovane ragazza che, pur delicata e discreta nei modi, è animata da una forza di volontà e da un desiderio di sapere enormi. Inizia a girovagare per il mondo con l’obiettivo di imparare tutti i segreti della vigna e della cantina. Passa un periodo in Francia, poi in Cile ed infine negli Stati Uniti. Nei dieci anni che gira il mondo, impara tantissime cose che saranno un bagaglio importantissimo e fondamentale per il raggiungimento di quello che è il suo scopo principale: modernizzare l’azienda e produrre vini di qualità.
Il lavoro da fare in vigna e in cantina è grande perché si rende necessaria una radicale ristrutturazione. Vengono reimpiantati tutti i vecchi vitigni progettando un complesso sistema di terrazzamenti, infittendo i ceppi e impostando sistemi di potatura che seguono la filosofia francese. Scelte necessarie per perseguire l’obiettivo di ottenere uve di primissima qualità, unica strada che porta a vini di altrettanto livello qualitativo.
Anche in cantina però si rende necessario un notevole lavoro di restyling. Oggi la splendida dimora dove nascono e crescono i vini, è formata da una costruzione nata dalla roccia con due piani interrati che vengono abbracciati dalla terra sottostante. Siamo dinanzi a un’efficiente e bella cantina dove non manca nulla per poter lavorare bene. Troviamo, infatti, un reparto per la vinificazione con botti in acciaio termocondizionate, una zona dedicata all’imbottigliamento, un magazzino e il fiore all’occhiello della bottaia recentemente ampliata, che ospita legni francesi, sia sotto forma di barrique da 225 litri che di botti grandi da 20 e 40 hl, a cui recentemente si appoggia sempre più la nuova filosofia produttiva. Infatti, Roberta considerando il vino materia viva, desidera che i vini maturino dolcemente, senza fretta, lasciando il ruolo di protagonista sempre alle uve e alla loro tipicità.

Vini degustatiAnnataPrezzoVoto

RECENTI

  • Sforzato di Valtellina Runco de Onego 2013

    Sforzato di Valtellina Runco de Onego 2013

  • Taurasi 2010

    Taurasi 2010

  • Valtellina Superiore Pietrisco 2013

    Valtellina Superiore Pietrisco 2013

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani