Primitivo di Manduria Bisanzio Feudo di Santa Croce 2008

Degustatore: Roberto Giuliani Valutazione: @@@
Data degustazione: 05/2011


Tipologia: DOC Rosso
Vitigni: primitivo
Titolo alcolometrico: 14 %
Produttore: TINAZZI
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 7,50 a 10 euro


Ci spostiamo in Puglia, nel comune di Carosino in provincia di Taranto; qui la famiglia Tinazzi ha acquistato tra il 2001 e il 2002 il Feudo di Santa Croce. Il Primitivo di Manduria Bisanzio 2008 nasce da vigneti di proprietà situati su terreni calcareo-argillosi ad un’altitudine di circa 200 metri s.l.m.. L’uva viene selezionata e raccolta a mano nella seconda decade di agosto, una volta in cantina viene pigia-diraspata e fermentata in acciaio a temperatura controllata, con macerazione sulle bucce per 8-12 giorni. Il vino matura in tonneaux di rovere di Slavonia per un anno. Nel calice rivela un colore rubino intenso con venature granate ai bordi; il ventaglio di profumi si offre di buona intensità con note di prugna matura, mirtillo, ciliegia nera, leggero cuoio e tabacco, sfumature di bacche di ginepro. L’attacco al gusto dimostra struttura e polpa, con un tannino calibrato e fine, l’alcol non disturba grazie ad una buona integrazione con il frutto e ad una freschezza che stempera la percezione pseudocalorica. Molto pulito e saporito, senza strascichi amari e con una persistenza più che convincente. Sfiora le quattro chiocciole.

RECENTI

  • Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Cuvée del Fondatore 2016

    Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Cuvée del Fondatore 2016

  • Lambrusco Grasparossa di Castelvetro

    Lambrusco Grasparossa di Castelvetro

  • Prosecco Extra Dry

    Prosecco Extra Dry

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani