Nina Manzoni Bianco 2013

Degustatore: Roberto Giuliani
Valutazione: @@@@
Data degustazione: 09/2014


Tipologia: IGT Bianco
Vitigni: N/A
Titolo alcolometrico: 13,5 %
Produttore: CA’ DI RAJO – Azienda Agricola di Cecchetto Bortolo
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 10 a 15 euro


Confesso che non conosco le ragioni per cui l’azienda ha scelto di modificare in etichetta il precedente “Incrocio Manzoni 6.0.13” in “Manzoni bianco”, immagino sia perché è molto più facile da ricordare e magari è più conosciuto con questo nome all’estero. Poco importa, si tratta sempre dello stesso vitigno e il vino è sempre Nina, tipico vezzeggiativo con cui vengono chiamate le donne nel trevigiano, ma anche nome della nonna di Simone Cecchetto, l’enologo di casa Ca’ di Rajo. Si tratta di una vendemmia tardiva in pianta, con una resa di circa 50 quintali ad ettaro, le uve vengono raccolte ad ottobre, subiscono macerazione a freddo per circa 10 ore e maturano per nove mesi sulle fecce fini. Il risultato è ancora una volta molto convincente, presenta un colore dorato chiaro e luminoso, il profumo è subito aperto e dimostra una bella ampiezza espressiva, regalando note floreali di glicine, acacia, biancospino e pesco; seguono piacevoli sensazioni fruttate di pesca bianca, susina, ananas e cedro maturo. All’assaggio mostra un’ottima corrispondenza, acidità e morbidezza data dalla maturazione delle uve offrono un perfetto equilibrio gustativo, confortato da una buona sapidità. Un bell’esempio delle grandi qualità di questo vitigno nato ormai 80 anni fa da un incrocio fra riesling renano e pinot bianco.

RECENTI

  • Barbera d’Asti Poderi dei Bricchi Astigiani 2016

    Barbera d’Asti Poderi dei Bricchi Astigiani 2016

  • Barolo Bussia Dardi Le Rose 2012

    Barolo Bussia Dardi Le Rose 2012

  • VignaAlta 2015

    VignaAlta 2015

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2018 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani