Gravello 1995

gralib95Degustatore: Roberto Giuliani
Valutazione: @@@@
Data degustazione: 12/2003


Tipologia: IGT Rosso
Vitigni: gaglioppo, cabenret sauvignon
Titolo alcolometrico: 13 %
Produttore: LIBRANDI – Casa Vinicola Librandi Antonio Cataldo & Nicodemo
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 15 a 25 euro


Il Gravello 1995, confrontato con la versione ’93 (vedi articolo), ha un colore leggermente più acceso e profondo, i riflessi rubini sono più evidenti. Al naso appare un pelino meno intenso ed elegante, ma perfettamente riconoscibile nelle sfumature di frutto maturo, qui più compatto e scuro, ancora avvolto dal tostato e dai toni affumicati della barrique. La componente speziata è ancora in formazione ed i toni sono meno precisi, c’è il tabacco, il pepe e la vaniglia. Al gusto è già abbastanza morbido e rotondo, ma meno concentrato della versione precedente ed il tannino appare un po’ meno fine e più “duro”. La freschezza è facilmente percepibile dalla buona salivazione che si forma ai lati della bocca, mentre il frutto mostra una discreta polpa anche se non tiene a lungo ed il finale è un po’ asciutto. E’ possibile che il vino migliori nei prossimi anni, ma non credo che potrà raggiungere i livelli della ’93, probabilmente per le caratteristiche della diversa annata, che ne ha limitato parzialmente le possibilità espressive. Inoltre, la sensazione che la percentuale sia variata a favore del cabernet è piuttosto forte.

RECENTI

  • Barbera d’Asti Poderi dei Bricchi Astigiani 2016

    Barbera d’Asti Poderi dei Bricchi Astigiani 2016

  • Barolo Bussia Dardi Le Rose 2012

    Barolo Bussia Dardi Le Rose 2012

  • VignaAlta 2015

    VignaAlta 2015

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2018 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani