Friuli Colli Orientali Malvasia Myò 2011

Degustatore: Roberto Giuliani Valutazione: @@@@
Data degustazione: 01/2013


Tipologia: DOC Bianco
Vitigni: malvasia istriana
Titolo alcolometrico: 13,5 %
Produttore: ZORZETTIG – di Zorzettig Cav. Giuseppe
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 10 a 15 euro


Se c’è un vitigno che ha una storia secolare in questa regione è sicuramente la malvasia istriana, il cui nome rivela subito la provenienza, il Dalmasso riporta nei sui scritti fonti che risalgono addirittura al 1300, dove già veniva coltivata in Friuli. Le uve del Myò provengono da un vigneto situato nella frazione di Ipplis nel comune di Premariacco; è una varietà piuttosto produttiva e questo richiede una forte attività di potatura secca, anche durante l’invaiatura. La buccia è molto grossa con grandi contenuti di estratti e di sostanze aromatiche, mentre il grappolo è spargolo. Non teme la botrite, neanche durante le stagioni molto piovose. Come di consueto per i bianchi aziendali, dopo fermentazione e travasi, il vino rimane a contatto con le fecce nobili fino al mese di marzo. Il colore è paglierino carico con riflessi verdi, ha un profumo inizialmente erbaceo e di fiori secchi, poi rivela toni di mela verde, mapo, sambuco, susina e pesca. Al gusto è decisamente speculare, tutta l’aromaticità del vitigno si ripresenta in modo netto e avvolgente, al momento ancora giovane nelle sfumature verdi e acerbe, ma già con un corredo convincente e promettente. La polpa non manca e la vena acida testimonia un vino decisamente in progressione, sapido e persistente.

RECENTI

  • Rosato 2016

    Rosato 2016

  • Chianti Puro 2016

    Chianti Puro 2016

  • Bianco del Mulino 2016

    Bianco del Mulino 2016

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani