Dolcetto d’Alba Piano delli Perdoni 2011

Degustatore: Roberto Giuliani Valutazione: @@@@
Data degustazione: 07/2016


Tipologia: DOC Rosso
Vitigni: dolcetto
Titolo alcolometrico: 13,5 %
Produttore: MOSSIO FRATELLI
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 10 a 15 euro


Persisto nel raccontarvi del Dolcetto, questo della famiglia Mossio è uno dei più interessanti, fa coppia con il Bricco Caramelli, sono due vini capaci di evolvere magnificamente e testimoniano quanto questa tipologia meriterebbe un più approfondito interesse. Ho volutamente scelto il 2011, cinque anni di vita, per farvi capire come, in certi casi, sia opportuno tenere sempre qualche bottiglia da parte per aprirla dopo qualche tempo, unico modo per poter apprezzare certi vini in tutte le loro potenzialità. E’ sorprendente notare la straordinaria tenuta del colore, ancora rubino violaceo compatto e senza cedimenti al bordo; accostato al naso rivela bellissime note di amarena e ciliegia mature, mentolo, leggera grafite, pepe, ginepro. In bocca rivela tutto il suo carattere, la viva freschezza testimonia la magnifica posizione della vigna, dove le escursioni termiche tra giorno e notte non mancano mai, così come la ventilazione; il frutto è ancora perfettamente integro, denso e affiancato da sfumature di liquirizia e cacao, un Dolcetto di classe, persistente e profondo, tutt’altro che all’apice delle sue possibilità. Sfiora la quinta chiocciola.

RECENTI

  • Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Cuvée del Fondatore 2016

    Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Cuvée del Fondatore 2016

  • Lambrusco Grasparossa di Castelvetro

    Lambrusco Grasparossa di Castelvetro

  • Prosecco Extra Dry

    Prosecco Extra Dry

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani