Colli Euganei Merlot Rocca Chiara Riserva 2000

Degustatore: Roberto Giuliani Valutazione: @@@
Data degustazione: 06/2003
Tipologia: DOC Rosso


Vitigni: merlot
Titolo alcolometrico: 14 %
Produttore: BORIN – Azienda Agricola Borin Vini & Vigne
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 10 a 15 euro


Alla vista propone un bel colore rubino luminoso abbastanza compatto e di discreta concentrazione. L’esame della fluidità mette in evidenza una bella consistenza, dominata dalla presenza alcolica: archetti fitti, molto ravvicinati, lacrime di buona grassezza e abbastanza lente. Al naso si propone morbido e dolce, con effluvi di frutta rossa matura, mora, ciliegia nera, mirtillo, amarena, leggera speziatura e sottofondo vegetale, accenni minerali e di cacao su un sottofondo mentolato molto piacevole. Al gusto conferma una notevole morbidezza e tannini fini, per nulla corrosivi, impatto denso e piacevole di frutto quasi in confettura, polposo e rotondo, molto equilibrato. Un Merlot al femminile, intrigante e di buona compagnia, manca un po’ di complessità ma si fa davvero piacere, grazie anche ad una persistenza abbastanza lunga e pulita, dove il dolce vince sulla componente amarognola. Servitelo a 16-18° in calici ampi del tipo Bordeaux Gran Cru con pappardelle al ragù di cinghiale, tagliolini al sugo di lepre, coturnice in casseruola, fagianella arrosto, filet mignon in salsa al vino rosso.

RECENTI

  • Riviera Ligure di Ponente Vermentino Vigna Sorì 2016

    Riviera Ligure di Ponente Vermentino Vigna Sorì 2016

  • Riviera Ligure di Ponente Pigato Cygnus 2016

    Riviera Ligure di Ponente Pigato Cygnus 2016

  • POGGIO DEI GORLERI

    POGGIO DEI GORLERI

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani