Chianti Le Rancole 2005

Degustatore: Roberto Giuliani Valutazione: @@@
Data degustazione: 09/2009


Tipologia: DOCG Rosso
Vitigni: sangiovese, canaiolo
Titolo alcolometrico: 13,5 %
Produttore: POGGIOTONDO – di Lorenzo Massart
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 10 a 15 euro


Vigna Grande, Vigna Quercia e Vigna Aldo sono i tre appezzamenti da cui nasce questo Chianti, ottenuto da sangiovese e canaiolo di età media che si aggira sui 35 anni. Le uve vengono pigiate e diraspate, macerate sulle bucce per una quindicina di giorni con leggere follature. La maturazione avviene per circa il 40% in barriques francesi e per la restante parte in vasche di vetro-cemento. A Lorenzo Massart non piacciono i vini che sanno di legno, la botte, quando si usa, deve fare la sua funzione di contenitore per lo scambio di ossigeno, cedendo al vino il minimo possibile. Il colore è un bel rubino intenso, con leggerissime venature granate ai bordi, l’approccio olfattivo rivela senza difficoltà la sua natura chiantigiana, il profumo intenso di ciliegia, marasca e altri frutti di bosco, le venature floreali, la delicata mineralità lo rendono particolarmente piacevole. Al palato ha stoffa, una struttura equilibrata, l’alcol ben integrato con il frutto, il tannino fine e calibrato, la freschezza sempre decisa e rassicurante, una leggera e piacevole sfumatura agrumata completa il quadro di un vino riuscito, persistente, sapido, segno di una sapiente lavorazione sia in vigna che in cantina, tanto da mitigare benissimo le eventuali perplessità su un’annata che ha dato risultati non omogenei in questa regione. Sfiora le quattro chiocciole.

RECENTI

  • Inzolia 2016

    Inzolia 2016

  • Masseria Cacciagalli 2012

    Masseria Cacciagalli 2012

  • Mille 2015

    Mille 2015

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2018 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani