Brunello di Montalcino Bramante 2003

Degustatore: Roberto Giuliani Valutazione: @@@@
Data degustazione: 02/2010


Tipologia: DOCG Rosso
Vitigni: sangiovese
Titolo alcolometrico: 13,5 %
Produttore: PODERE SANLORENZO
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 15 a 25 euro


Se mi limitassi a scrivere di vini degustati alle anteprime, senza lasciare che il tempo confermi o smentisca le impressioni avute durante quei tour de force che ogni anno ci aspettano numerosi, non farei un buon servizio né a chi il vino produce né a chi desidera acquistarlo, magari spendendo una somma non proprio “leggera”. Questo vale ancora di più quando parliamo di annate difficili, dove le viti hanno sofferto e i vignaioli hanno dovuto lavorare di ingegno e astuzia per evitare il peggio. I successivi assaggi rivelano, a volte, piacevoli sorprese o, viceversa, inaspettati declini, è quindi bene cercare di farne esperienza il più possibile. Il 2003 è stato un anno caldissimo, tutti lo ricordano, è questo tipo di annata che mette in evidenza le grandi vigne e i terreni dove si doveva continuare a coltivare patate. Certo, in cantina si fanno miracoli, non solo chimicamente, ma anche usufruendo di opportuni “rinfreschi” con annate più giovani o più strutturate, secondo necessità, laddove il disciplinare lo consente; se poi quel 15% (mediamente) diventa 20 o più, non è facile verificarlo, ma se fatto con lo stesso vino in fondo non è poi così grave, bisogna anche mettersi nei panni di chi ci vive, loro hanno una sola possibilità ogni anno, se va male quella sono dolori, ricuperare completamente le perdite è quasi impossibile. Però sarebbe corretto dichiararlo, se non altro perché chi non ha usufruito di questa opportunità, ad un confronto apparentemente paritario ne esce più facilmente perdente. Ma ho il sospetto che tanta onestà e correttezza sia davvero difficile da trovare, soprattutto quando l’individualismo impedisce il senso di aggregazione, di condivisione di intenti, di collaborazione per portare avanti una denominazione o un territorio. Questioni sulle quali può essere interessante confrontarsi proprio con i produttori, i diretti interessati, cosa che mi è più volte capitato di fare con Luciano Ciolfi, il cui primo Brunello è partito proprio con un’annata fra le meno felici, all’inizio di un percorso nel quale deve districarsi e tentare di emergere, un piccolo produttore in una denominazione fra le più famose al mondo, che vanta colossi da milioni di bottiglie e un numero di consorziati che supera abbondantemente le duecento unità. Luciano però ha capito da subito che per farsi conoscere bisogna uscire dalla vigna, promuovere i propri prodotti usando tutti i mezzi disponibili, dalle serate a tema alle anteprime, di città in città, nei ristoranti, nelle enoteche, nei wine bar, nelle grandi manifestazioni enoiche, proponendosi in prima persona, imparando non senza qualche sforzo a scrollarsi di dosso l’anima contadina, riservata, solitaria trasmessa dai suoi avi e raccontandosi a chi ha voglia di capire cosa c’è dietro una bottiglia di vino. Il suo Brunello di Montalcino Bramante 2003 è partito con il piede giusto, grazie anche al fatto che le vigne sono sopra i 400 metri e hanno risentito meno del forte calore estivo; un’attenta potatura ha permesso ai grappoli di rimanere parzialmente protetti dai raggi solari, la selezione finale ha permesso di ottenere un vino più che valido, a distanza di due anni dalla sua uscita si presenta in ottima forma. Ha un bel colore granato di buona concentrazione con ricordi rubini, un bouquet maturo ma senza cedimenti verso toni marmellatosi ed evoluti, al frutto di lampone e ciliegia si affiancano sfumature di tabacco, noce moscata, ginepro, cenni di cuoio e sottobosco. Al palato è rotondo, con tannino dolce, freschezza sufficiente a dargli sostegno, equilibrato e con una leggera sapidità a dargli nerbo. Non ha sicuramente una lunga evoluzione davanti a sé, ma in questo momento è un bel bere, senza spigoli ma anche senza mollezze.

RECENTI

  • Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Cuvée del Fondatore 2016

    Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Cuvée del Fondatore 2016

  • Lambrusco Grasparossa di Castelvetro

    Lambrusco Grasparossa di Castelvetro

  • Prosecco Extra Dry

    Prosecco Extra Dry

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani