Asolo Prosecco Superiore Extra Brut 2014

Degustatore: Roberto Giuliani Valutazione: @@@@
Data degustazione: 02/2016


Tipologia: DOCG bianco spumante
Vitigni: glera 85%, bianchetta, rabbiosa, marzemina bianca e perera per la restante parte
Titolo alcolometrico: 11 %
Produttore: BELE CASEL
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 10 a 15 euro


Non ho saputo resistere, appena finito il Colfòndo ho sentito il desiderio impellente di stappare questo Extra Brut, un Asolo Prosecco Superiore, dove “superiore” ci fa capire immediatamente che questa volta non si tratta di un vino frizzante ma di uno spumante vero e proprio, metodo Martinotti per la precisione (Charmat lo lasciamo dire ai francesi…). A questo proposito vorrei aprire una mia personalissima parentesi sul Prosecco: qui siamo in una denominazione ben precisa, quella di Asolo Docg, e sarebbe bene tenerlo sempre a mente quando si acquista un vino ottenuto da uva glera, perché da queste parti si fa vino da oltre sette secoli. Nemmeno l’industria dell’abbigliamento e delle calzature ce l’ha fatta ad estirpare una tradizione tanto radicata nel territorio, e per fortuna! Per di più si è lavorato nell’ultimo decennio per tracciare una vera e propria zonazione viticola, legata non solo alla diffusione del glera, ma anche della bianchetta, del merlot e del cabernet, vitigni rossi che qui possono quantomeno definirsi “acclimatati”. Insomma, fra la interregionale (Veneto-Friuli) Doc Prosecco e le due Docg Asolo e Conegliano Valdobbiadene, c’è una reale differenza, sia qualitativa che territoriale. A Caerano San Marco Danilo Ferraro ha tracciato la strada ai figli Luca e Paola per lavorare in biologico puntando alla massima qualità. E questo Extra Brut ne è indubbiamente intriso, è uno spumante che non passa inosservato, le classiche note agrumate del glera, in particolare affiora la scorza d’arancia gialla, si arricchiscono di toni di muschio, pesca bianca e mela golden, ma anche sfumature di fieno, camomilla e mollica di pane. Perfetto al gusto, con una viva acidità che trova compensazione nel frutto dagli accenti tropicali e nelle note leggere di miele di agrumi. Quattro chiocciole decisamente alte.

RECENTI

  • Rosato 2016

    Rosato 2016

  • Chianti Puro 2016

    Chianti Puro 2016

  • Bianco del Mulino 2016

    Bianco del Mulino 2016

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani