Amarone della Valpolicella Classico 1997

Degustatore: laVINIum Valutazione: @@@@
Data degustazione: 02/2002


Tipologia: DOC Rosso
Vitigni: corvina veronese 65%, rondinella 30%, molinara 5%
Titolo alcolometrico: 14,5 %
Produttore: TOMMASI VITICOLTORI
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 15 a 25 euro


Esame visivo: E’ un vino che si presenta già opulento al primo sguardo, di ottima concentrazione, quasi per niente trasparente, neanche ad inclinarlo visto che l’unghia i mantiene comunque corta, di un rosso rubino tendente al granato pieno, resta composto nel bicchiere ed allo scuotimento lascia le pareti ben grasse che formano archetti abbastanza fitti che scendono in lacrime decisamente larghe e lente: pienamente consistente. Esame olfattivo: Caldo ed intenso, appena una sensazione di rosa rossa scura appassita poi prepotente il fruttato confitto, di visciola scurissima e prugna. Rimembranze di uva passa dal frutto originario e note di cioccolato e buon tabacco da pipa dolce. Sentori balsamici di alloro. Molto complesso e persistente, qualità olfattiva che tende all’eccellenza. Esame gustativo: Ancora grande intensità, caldo, di morbidezza quasi piena. Attenzione, con l’appassimento delle uve anche l’acidità si è concentrata e questo nettare non è per nulla sciropposo, mostra invece nerbo acido in quantità ed anche buona sapidità. Di grande spessore tra lingua e palato che sembra avvolgere i dolci tannini in una stoffa setosa. Finale lungo, dolce che ricorda il mon chéri e balsamico di alloro. Robusto, equilibrato, molto persistente, di ottima corrispondenza gusto-olfattiva e grande eleganza. Stato evolutivo: Pronto. Giudizio finale: Nerbo concreto e corposo in stoffa lunga e suadente. A pieno titolo tra gli Amaroni che ben rappresentano il grande vino italiano nel mondo, di facile reperibilità ed ottimo rapporto qualità/prezzo. Portarlo su dalla cantina, stapparlo almeno un’ora prima di servire, chambré a 18° circa in calici ampi ed importanti per vini rossi nobili ed eleganti. Abbinamenti: Carni rosse saporose, selvaggina, cotte senza troppi grassi, bene le cotture alla griglia ed al girarrosto. Formaggi anch’essi saporosi e stagionati. Ha struttura e calore tali da renderlo ottimo vino da meditazione.

RECENTI

  • Sforzato di Valtellina Runco de Onego 2013

    Sforzato di Valtellina Runco de Onego 2013

  • Taurasi 2010

    Taurasi 2010

  • Valtellina Superiore Pietrisco 2013

    Valtellina Superiore Pietrisco 2013

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani