Amarone della Valpolicella Classico 1995

Degustatore: laVINIum Valutazione: @@@@@
Data degustazione: 03/2004


Tipologia: DOC Rosso
Vitigni: corvina 55%, rondinella 30%, sangiovese 10%, molinara 5%
Titolo alcolometrico: 15 %
Produttore: BRUNELLI – Azienda Agricola Brunelli Luigi
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 15 a 25 euro


Cosa sono 9 anni per un Amarone… il tempo necessario per presentarsi al meglio della forma, al proprio apogeo, quale “porpora bevibile di soavità incredibile”, come anticamente lo definì Cassiodoro. L’Amarone Classico 1995 di Luigi Brunelli, vignaiolo-poeta, esimio interprete di cotanto vino in San Pietro in Cariano, ne è un perfetto esempio: terroso e minerale, fruttato di uva passa, fedele al frutto originario lasciato ad appassire nei mesi invernali e selezionato più volte con pazienza contadina. Ha un colore rosso granato senza cedimento alcuno, anzi, ancora con riflessi nero-viola, preannunciante ottima forma, piena razza. Al naso è pieno e ricco, dal frutto di amarena straripante, accompagnato da bacche scure di bosco e da note più complesse di sottobosco quali la terra di castagno ed il fogliame secco tendente a profumato tabacco scuro. Poi le discrete note tostate, di caldarrosta e di cacao, ed il frutto originario d’uva passa. Un susseguirsi di profumi evoluti, dulcamari, secchi e balsamici, di noce, di alloro e di eucalipto che si avvicendano durante l’ossigenazione. Al gusto conferma l’atteso e masticabile corpo con sensazioni al confine tra il gustativo ed il tattile: è caldo, polposo, morbido ma con una vena acida in grado di renderlo per nulla stucchevole benché appagante. Il tannino, ben presente, è stato sapientemente domato durante la lunga elevazione in botti di rovere, prima piccole poi grandi, e poi in bottiglia durante il periodo trascorso per giungere sino ai nostri giorni. L’esplosione nel retronaso si sviluppa con compostezza e conferma le sensazioni olfattive in un finale persistente e di piena eccellenza. E’ un vino che durante la sua gioventù ha già ottenuto i massimi riconoscimenti in tutti i concorsi ai quali ha partecipato e che conferma la propria propensione all’invecchiamento. Da servirsi in abbinamento a secondi piatti di carne importanti quali magretti d’anatra, tacchino ripieno o selvaggina da piuma, oppure con formaggi saporosi a medio-lunga stagionatura. Servito a 18°C circa in calici molto ampi e dal lungo stelo.

RECENTI

  • Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Cuvée del Fondatore 2016

    Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Cuvée del Fondatore 2016

  • Lambrusco Grasparossa di Castelvetro

    Lambrusco Grasparossa di Castelvetro

  • Prosecco Extra Dry

    Prosecco Extra Dry

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani