Valtellina Superiore Sassella 2014

Valtellina Superiore Sassella 2014 Terrazzi AltiDegustatoreRoberto Giuliani    Valutazione@@@@@
Data degustazione: 05/2017


TipologiaDOCG Rosso
Vitigninebbiolo
Titolo alcolometrico: 13%
Produttore: TERRAZZI ALTI
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 15 a 25 euro


Non si è mai pentito Siro Buzzetti della sua scelta di passare il resto della vita da amministrativo a vignaiolo, quando poco più di un decennio fa si innamorò di un pezzetto di vigna di mille metri quadrati, situata nella Sassella. Fu una passione folgorante, vedere aprirsi alle nebbie mattutine questi pochi filari di vite circondati da rocce e piante spontanee, rimosse in lui qualsiasi esitazione: il suo futuro era segnato.
Sapeva bene che ci sarebbe stato molto da lavorare, tutto a mano, con intelligenza e sapienza, poiché qui non è possibile utilizzare né trattori né attrezzi pesanti, le pendenze e la presenza di molte rocce lo impediscono. La prima annata prodotta, 2006, di cui vi ho raccontato, era in soli 900 esemplari, oggi Siro è in grado di superare le 3000 bottiglie, ma non intende crescere più di tanto, perché le vigne vuole seguirle in prima persona, anche se ha trovato in Alfio Mozzi, uno splendido alleato con il quale aiutarsi e scambiarsi informazioni e consigli.
A partire dalla vendemmia 2015, Siro ha deciso che le viti sono abbastanza mature da poter fare una selezione accurata dei migliori grappoli per la sua prima Riserva, che ora sta affinando in legno; anche dalla 2016, eccellente annata, nascerà una Riserva, che dimorerà in una botte da 15Hl acquistata a fine febbraio.
La 2014, come molti sapranno, è stata un’annata difficile, alcune aziende hanno addirittura rinunciato ai loro cru per produrre un solo vino ma di qualità significativa. Per Siro si è trattato di operare una selezione accurata, ma nel complesso è andata piuttosto bene, infatti ha prodotto 3152 bottiglie.
Eccolo nel calice, con quel colore rubino-granato trasparente che è la caratteristica imprescindibile del nebbiolo di montagna, ha un bouquet di grande finezza, le note floreali ci ricordano la freschezza di questi luoghi e un ecosistema in grande equilibrio, la terra e la dura roccia contribuiscono fortemente nell’assecondare la natura espressiva del nebbiolo. La ciliegia e la liquirizia appena accennata, la speziatura delicatissima, quasi timida, porta il vino su un livello di decisa eleganza.
Al palato si rivela pienamente l’annata, fresca, di corpo e alcol contenuti ed equilibrati, tannino ben lontano dalle durezze di certe zone di Langa, qui è un tripudio di sussurri e carezze, non c’è potenza ma energia sì, da vendere; il sorso è davvero godibile, puro, ti libera la mente dai pensieri e ti porta su un immaginario tappeto volante lungo i costoni delle Alpi Retiche, ad ammirare le vigne tra santuari e piccoli borghi.
Tutto il resto è noia.

RECENTI

  • Sforzato di Valtellina Runco de Onego 2013

    Sforzato di Valtellina Runco de Onego 2013

  • Taurasi 2010

    Taurasi 2010

  • Valtellina Superiore Pietrisco 2013

    Valtellina Superiore Pietrisco 2013

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani