Soave Classico Superiore Foscarin Slavinus 2003

Degustatore: Roberto Giuliani Valutazione: @@@@
Data degustazione: 03/2007


Tipologia: DOCG Bianco
Vitigni: garganega
Titolo alcolometrico: 14 %
Produttore: MONTE TONDO
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 15 a 25 euro


Dei tre Soave che l’azienda ci ha inviato, debbo dire che questo è quello che mi ha maggiormente coinvolto. Le uve vengono pressate e lasciate a contatto con le bucce per 24 ore a 5° C, poi iniziano a fermentare, sempre con le bucce, per almeno 36 ore, per finire il processo fermentativo in botti da 50 ettolitri. Poi passa ad affinare in acciaio per oltre un anno. Ne emerge un vino di grande impatto, sin dal colore dorato intenso, molto bello e luminoso. I profumi, nonostante abbia tre anni abbondanti sulle spalle, sono ancora freschi, gagliardi, si coglie una bella nota di fiori di pesco (li ho nel mio giardino ed è facile per me riconoscerla), poi vira verso il frutto esotico, ma la sensazione principale è data dalla percezione del frutto originario, arricchito da pesca matura, mandorla, mango e sfumature agrumate. In bocca è quasi denso, si sente un po’ il calore dell’alcool (è pur sempre un 2003…) ma non manca la spinta acida, né la sapidità. Si lascia bere che è un piacere, la struttura salda lascia presumere l’accostamento a piatti più elaborati e saporiti, io me lo immagino con una bella zuppa di pesce alla vastolana.

RECENTI

  • Pachàr 2016

    Pachàr 2016

  • FATTORIA LAVACCHIO – Agricola Lavacchio

    FATTORIA LAVACCHIO – Agricola Lavacchio

  • Lacryma Christi del Vesuvio Rosso Territorio de’ Matroni 2015

    Lacryma Christi del Vesuvio Rosso Territorio de’ Matroni 2015

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani