Sizzano 2004

Degustatore: Roberto Giuliani Valutazione: @@@@
Data degustazione: 04/2009


Tipologia: DOC Rosso
Vitigni: nebbiolo, vespolina, uva rara
Titolo alcolometrico: 13 %
Produttore: PARIDE – Casa Vinicola Paride di Pagin Miria
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 15 a 25 euro


E’ il vino di punta di Paride Chiovini, ci tiene molto perché è una denominazione storica dell’Alto Piemonte, che proprio quest’anno compie quaranta anni e prevede il nebbiolo come protagonista (qui chiamato “spanna”), affiancato da altre due uve tipiche della zona, la vespolina e l’uva rara. Paride non ama che si senta il contributo del legno, pertanto utilizza barriques esauste, anche con sette anni sulle spalle, esclusivamente come contenitori in cui dimensioni e spessore ridotti permettono un maggiore scambio di ossigeno. Ed eccolo versato nel calice, il colore è un bel granato vivo e luminoso con leggere nuances rubine, ovviamente la trasparenza non manca, il nebbiolo vero non ha mai colori concentrati; il bouquet è affascinante, lo dico sinceramente e senza esitazioni, sentivo il profumo arrivare da mezzo metro di distanza mentre scrivevo, la rosa e la ciliegia mi colpiscono subito, il frutto è fresco e dalle sfumature boschive, sembra quasi di cogliere la felce umida, e c’è anche l’amarena, una leggera liquirizia, pepe, un inizio di tabacco e spezie dolci, sensazioni molto pulite e stimolanti. La trama gustativa è di incredibile freschezza, il frutto, che non è l’unico elemento di questo vino, appare davvero vivo e croccante, addirittura si colgono sfumature agrumate che ricordano il pompelmo rosa, è più elegante che corposo, non ci sono spettacolarizzazioni ma una purezza che affascina, una semplicità che viene tutta dal frutto, quella leggera speziatura quasi pepata che ci ricorda la presenza della vespolina, il tannino preciso, mordente quel tanto che serve a stuzzicare e invogliare al cibo; molto piacevole, persistente, digeribile, privo di quell’esagerata alcolicità e potenza che rendono spesso certi vini faticosi, pesanti, qui tutto scorre molto facilmente e lascia pienamente soddisfatti. Quattro chiocciole alte, soprattutto per l’esigua quantità di bottiglie (meno di mille.

RECENTI

  • Sforzato di Valtellina Runco de Onego 2013

    Sforzato di Valtellina Runco de Onego 2013

  • Taurasi 2010

    Taurasi 2010

  • Valtellina Superiore Pietrisco 2013

    Valtellina Superiore Pietrisco 2013

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani