Sauvignon “Vegan” 2011

Degustatore: Roberto Giuliani Valutazione: @@@@@
Data degustazione: 10/2014


Tipologia: IGT Bianco
Vitigni: sauvignon
Titolo alcolometrico: 14,5 %
Produttore: VIGNE DEL MALINA – Agricola Bacchetti Roberto e Trevisan Marialuisa
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 10 a 15 euro


Voglio chiarire subito che “Vegan” non è il nome del vino, ma mi sembra opportuno dare massima visibilità al collarino che testimonia l’avvenuta certificazione dei vini di Vigne del Malina ad opera della Vegan Society. Non si tratta, quindi, di un’autocertificazione, ma di un iter ben preciso che ha portato al riconoscimento attraverso opportune verifiche documentali e ispezioni presso la sede aziendale da parte di un Ente certificatore esterno e indipendente, ovvero la Certification Europe Italia di Novara, partner di CE Europe. Cosa vuol dire? Che questo Sauvignon (come tutti gli altri vini) è stato ottenuto senza l’uso di alcun componente di derivazione animale, quindi è adatto ai consumatori vegani. Per fare un esempio, nelle fasi di filtrazione e chiarifica sono abitualmente utilizzate membrane o altri componenti di origine animale, come l’albumina, ma anche i collanti per le etichette, i prodotti fitosanitari per il vigneto, i detergenti per le cantine contengono spesso sostanze o componenti di derivazione animale. Si tratta quindi di un processo che parte dalla vigna fino alla bottiglia, durante il quale la certificazione garantisce la totale assenza di possibili componenti di derivazione animale. Ma veniamo al vino, un sauvignon in purezza allevato a Guyot in frazione Orzano di Remanzacco, con metodo a basso impatto ambientale che esclude, ad esempio, il diserbo chimico, su suolo composto da ghiaie alluvionali provenienti dal vicino Malina e terreno di medio impasto. Dopo una pigiatura soffice con decantazione statica del mosto, si svolge la fermentazione a temperatura controllata. Il vino ottenuto trascorre 10 mesi in acciaio, a cui seguono altri 12 mesi di affinamento in bottiglia. Nel calice mostra un colore paglierino carico con riflessi dorati, il profumo evidenzia un’ottima maturazione delle uve nella contenuta espressione vegetale prodotta dalle cosiddette metossipirazine, sono appena accennate le note di peperone verde, salvia e foglia di pomodoro, mentre è il frutto che progressivamente domina la scena rendendo il bouquet particolarmente piacevole. L’assaggio rivela una struttura piena, c’è una bella freschezza e sapidità, il ritorno fruttato è ampio e giocato su note esotiche, mentre il finale regala stimolanti percezioni minerali. Gran bel vino davvero, che riesce a “intrappolare” la pur notevole presenza alcolica rendendo il sorso godibilissimo. Non saranno solo i vegani ad apprezzarlo…

RECENTI

  • Sforzato di Valtellina Runco de Onego 2013

    Sforzato di Valtellina Runco de Onego 2013

  • Taurasi 2010

    Taurasi 2010

  • Valtellina Superiore Pietrisco 2013

    Valtellina Superiore Pietrisco 2013

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani