Ruchè di Castagnole Monferrato Clàsic 2019

Ruchè di Castagnole Monferrato Clàsic 2019 FerrarisDegustatore: Andrea Li Calzi
Valutazione: @@@@@
Data degustazione: 09/2021


Tipologia: Docg Rosso
Vitigni: ruché
Titolo alcolometrico: 15%
Produttore: FERRARIS AGRICOLA
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 10 a 15 euro


Luca Ferraris, attuale presidente dell’Associazione Produttori del Ruché, è colui che più di tutti ha inseguito il sogno di far tornare in auge un’area vitivinicola – e di conseguenza una cultivar autoctona piemontese – dalle antiche tradizioni. Qualche tempo fa ho dedicato un lungo approfondimento alla suddetta zona, la stessa è a ridosso dei comuni di Castagnole Monferrato, Montemagno, Grana, Portacomaro, Refrancore, Scurzolengo e Viarigi, tutti in provincia di Asti.
Ferraris Agricola è situata proprio nel primo di questi cinque borghi, il più noto, quello che dà il nome alla Docg istituita nel 2010, dieci anni dopo la nascita dell’Associazione sopracitata. La storia della Cantina inizia quando il bisnonno Luigi emigra in America: duro lavoro e tanti sacrifici – con il passare degli anni – portano a risultati notevoli, tanto che nel 1921 il nostro pioniere acquista la casa in Via al Castello, dove fino a poco tempo fa era ubicata l’azienda e dove tuttora si trovano le cantine storiche della famiglia. Oggigiorno Luca – con la medesima passione e tenacia – produce circa 180.000 bottiglie, un terzo delle quali sono etichette di Ruché. La proprietà si estende su 28 ettari di cui 21 coltivati a vigneto.
Lascio la parola a Luca: “La filosofia che da sempre accompagna il mio lavoro è quella di riuscire a far combinare il rispetto della natura, della tradizione e della tecnologia per poter ottenere sempre il miglior risultato possibile, investendo tempo e non solo nella ricerca del massimo. Questa scelta si è sempre rivelata vincente negli anni e ci ha data modo, grazie anche soprattutto alla sperimentazione di riuscire ad avere prodotti molto particolari, a partire dalla gestione dei vigneti fino alla produzione dei vini. Questo è dimostrato, ad esempio, da Opera Prima: nessuno ha mai creduto nelle potenzialità di invecchiamento del Ruché e invece…”.
Il Ruché di Castagnole Monferrato Clàsic 2019 – che mi accingo a degustare – è prodotto con uve 100% ruché, le stesse provengono da vigneti ubicati a Castagnole Monferrato a 260 metri sul livello del mare e posseggono caratteristiche diverse: un mix di calcare, argilla e tufo. Resa pari a 70 quintali per ettaro, l’età dei vigneti è 8-12 anni. La fermentazione alcolica dura circa 10-15 giorni a temperature controlla in rotofermentatori, malolattica in tini di rovere da 54 Hl. Affina 9 mesi in botti grande di rovere e altri 3 in bottiglia prima della vendita. Veste rubino intenso, luminoso, tonalità calda a profonda, roteando il vino lo stesso mostra consistenza e archetti fitti e ben delineati. Registro olfattivo complesso e in continua evoluzione: petali di rosa su spezie dolci, chiodo di garofano e cannella, confettura di amarene e liquirizia qua e là rinfrescate da suggestioni balsamiche di mentolo e rintocchi di grafite, pepe rosa e rosolio in chiusura; tuttavia la trama si ingentilisce sempre più anche, o forse soprattutto, a 24 ore dalla mescita.
Il sorso è incalzante, slanciato, teso, succoso ed al contempo caratterizzato da una rotondità tipica del vitigno. Il tannino è dolce, coeso, tuttavia percettibile; lunghissima scia sapida in chiusura, si beve che è un piacere e l’alcol, nonostante raggiunga i 15 gradi, non prevale affatto.
Cinque chiocciole centrate, indimenticabile su una tajine di agnello con prugne e mandorle; il Ruché è particolarmente indicato con la cucina speziata, agrodolce o piccante, provare per credere.

RECENTI

  • Irpinia Rosato Madre Terra

    Irpinia Rosato Madre Terra

  • Sforzato di Valtellina Runco de Onego 2018

    Sforzato di Valtellina Runco de Onego 2018

  • AMINEA

    AMINEA

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2021 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati
È vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani