Pratto 1997

Degustatore: laVINIum Valutazione: @@@@
Data degustazione: 09/2000


Tipologia: IGT Bianco
Vitigni: trebbiano di Lugana 50%, chardonnay 25%, sauvignon 25%
Titolo alcolometrico: 12,5 %
Produttore: CÀ DEI FRATI – AziendaAgricola Cà dei Frati di Dal Cero Pietro e Figli
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 10 a 15 euro


Esame visivo: Cristallino, giallo paglierino carico tendente al dorato, consistente (archetti numerosi e lacrime molto lente nel percorrere la parete del bicchiere, garanzia di ricchezza di estratto). Esame olfattivo: Quasi intenso e decisamente persistente, di qualità tendente all’eccellenza; notevole il ventaglio aromatico, in continua espansione: primeggiano lychees, lime, cedro, miele, note vanigliate e tostate non invadenti, il tutto avvolto in un bouquet floreale estremamente piacevole. Esame gustativo: E’ secco, caldo, di corpo, quasi morbido, tra poco e abbastanza fresco e con una punta di sapidità; è intenso e persistente, con finale lungo e corrispondente, qualità in sintonia con l’olfattiva. Stato evolutivo: pronto/maturo. Giudizio finale: Il connubio fra i tre vitigni è perfettamente riuscito. La forza di questo vino è nella ricchezza e piacevolezza aromatica e nella P.A.I.; con un pò di acidità e sapidità in più avrebbe esaltato al massimo le sue potenzialità anche future. E’ certo che il 1997 per i bianchi di questa zona non è stato una buona annata, pertanto lo ha un pò penalizzato, ma è comunque splendido. Non avrà una lunga vita, ma oggi è in ottime condizioni per essere degustato con grande soddisfazione.

RECENTI

  • Sforzato di Valtellina Runco de Onego 2013

    Sforzato di Valtellina Runco de Onego 2013

  • Taurasi 2010

    Taurasi 2010

  • Valtellina Superiore Pietrisco 2013

    Valtellina Superiore Pietrisco 2013

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani