Nebbiolo d’Alba Spumante Rosé Brut 2019

Nebbiolo d'Alba Spumante Rosé Brut 2019 Fratelli Rabino

Livio Gallarato. Foto Massimo Gavello – Langhe.TV

Degustatore: Andrea Li Calzi
Valutazione: @@@@
Data degustazione: 06/2022


Tipologia: DOC Spumante Rosé
Vitigni: nebbiolo
Titolo alcolometrico: 13,5%
Produttore: FRATELLI RABINO
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 15 a 20 euro


Ho rincontrato con grande piacere Francesca Rabino durante i Roero Days di qualche settimana fa. A pensarci bene è un vero e proprio cerchio che si chiude perché, dopo aver visitato la Cantina e averne scritto qui, mi ha fatto effetto scambiare due chiacchiere presso la stessa manifestazione dove ci siamo conosciuti nel 2018; è cambiata soltanto la location: da Guarene (CN) a Venaria Reale (TO).
Ho assaggiato nuovamente, ed apprezzato, la gamma di prodotti della sua Cantina, sua e di Papà Tommaso, il capostipite, coadiuvato dalla moglie Maria, il figlio Andrea, enologo dell’azienda, a sua volta aiutato dalla compagna Annalisa, oltre alle sorelle di Francesca, ovvero Chiara e Agnese; con passione tutti collaborano al progetto. Devo riconoscere che tra Arneis, Favorita, Moscato, Barbera e Nebbiolo non c’è che l’imbarazzo della scelta, la qualità media aumenta di anno in anno, merito della passione che traspare da ogni singolo aneddoto raccontato, dai sacrifici impiegati in vigna e da quel pizzico di sana follia che ad ogni vendemmia permette di alzare l’asticella di una spanna.
La Cantina si trova nei pressi di Cascina Valle Spinzo, nel comune di Santa Vittoria d’Alba (CN), piccolo borgo completamente immerso nel verde dei boschi, nella tranquillità di un luogo fiabesco dove il tempo pare essersi fermato e dove di certo non manca la biodiveristà, arma vincente del Roero; ormai l’ho scritto in tutte le “lingue del mondo”, anzi, vi invito a verificarlo con i vostri occhi. L’asticella non si alza solo grazie all’aumento della qualità dei vini, ma anche e soprattutto investendo sul territorio, sui mercati, sulle tipologie di vino che in questa fase storica stanno accattivando i consumatori; ecco dunque il primo metodo classico prodotto dalla Cantina: il Nebbiolo d’Alba Spumante Rosé Brut 2019.
Ovviamente non si è obbligati a farlo se non si crede in questa particolare e complicata categoria, tuttavia conoscendo il perfezionismo di Casa Rabino e l’attenzione riposta in ogni singola etichetta, non mi meraviglia affatto che ci siano voluti tanti anni prima di lanciarlo ufficialmente sul mercato. Ancor più che a caratterizzare il prodotto troviamo un’uva a bacca rossa, e non certo l’ultima arrivata, trattasi di sua maestà nebbiolo, assieme all’arneis indubbiamente la cultivar di riferimento del Roero. Le vigne sono situate a Santa Vittoria d’Alba, una sorta di anfiteatro naturale che abbraccia la sede della Cantina, in media hanno 15 anni e sono caratterizzate da un terreno di medio impasto, calcareo con spiccate venature sabbiose testimonianza di un’antica presenza marina. Esposizione a sud-ovest e altitudine tra i 350 e 400 metri sul livello del mare. La densità d’impianto è pari 4000 ceppi ad ettaro con una produzione di 90 q.
Vendemmia svolta durante la prima decade di settembre, così da mantenere un livello adeguato di acidità nell’uva, la stessa viene raccolta manualmente; segue diraspatura, pressatura soffice e macerazione per 6-8 ore. A fermentazione avviata, il 25% della massa viene travasata in piccole botti di rovere e la restante parte in acciaio a temperatura controllata di 18 °C; in seguito assemblaggio delle due parti in vasca. Dopo circa 5 mesi avviene l’imbottigliamento per la presa di spuma. Il vino affina 24 mesi sui lieviti, avviene poi la sboccatura e prima della messa in vendita un ulteriore riposo in bottiglia di 3 mesi. Dosato a 8 grammi litro la data di sboccatura è piuttosto recente. Versiamolo dunque all’interno di un calice adeguato: la prima cosa che cattura l’attenzione è il perlage, fine, continuo, bollicine simili a piccoli spilli che rendono la tonalità rosa cerasuolo ancor più luminosa, riflessi rame.
Impatto mediamente intenso, caratterizzato da ricordi lievemente vinosi e un floreale fresco, spigliato; dunque rosa, viola accompagnate da un eco lontano di menta peperita, la spezia è dolce e va a braccetto con l’agrume e i frutti rossi: ribes, mirtillo rosso e fragolina di bosco, chiude una traccia netta di sabbia bagnata prettamente di stampo territoriale.
In bocca mostra il DNA del nebbiolo, grazie alla consueta freschezza del sorso che caratterizza gran parte dei vini prodotti da Fratelli Rabino, e una sensazione tattile piuttosto cremosa nonostante la recente sboccatura; è il timbro a convincere oltremodo, la parte vinosa e l’allungo salino rendono il sorso piacevole, spensierato tuttavia non privo di carattere, grinta.
Abbinato ad un piatto di pesce spada, spadellato con capperi, olive taggiasche e pomodori datterino, è un buon modo di inaugurare la stagione estiva che è alle porte. Quattro chiocciole strameritate e un buon potenziale di crescita.

RECENTI

  • Vallée d’Aoste Vin Rosé Les Deux Petits Coeurs 2021

    Vallée d’Aoste Vin Rosé Les Deux Petits Coeurs 2021

  • Falanghina del Sannio Brut Frenesia

    Falanghina del Sannio Brut Frenesia

  • LUNAE

    LUNAE

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2022 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati
È vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani

mdstudiowebagency - Realizzazione, Restyling, e manutenzioni siti Web
Contatti Tel. 3921585226 - E-mail: mdstudioagency@gmail.com