Merlot 2007

Degustatore: Roberto Giuliani
Valutazione: @@@@
Data degustazione: 08/2012


Tipologia: IGT Rosso
Vitigni: merlot
Titolo alcolometrico: 13 %
Produttore: VIGNE DEL MALINA – Agricola Bacchetti Roberto e Trevisan Marialuisa
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 15 a 25 euro
Vino Bio:


Il destino a volte ci manda dei curiosi segnali, non sempre riusciamo a coglierli, magari per pura distrazione o semplicemente perché non siamo ancora pronti. Vigne del Malina si trova ad Orzano, piccola frazione di Remanzacco, in provincia di Udine; due torrenti che partono da punti diversi, il Malina e l’Ellero, nella parte finale del loro corso a est di Remanzacco si congiungono formando un immaginario calice, all’interno del quale risiede un vigneto. Il segno è evidente, anche perché il clima è quello giusto e il terreno alluvionale impone qualità, non certo quantità. Roberto Bacchetti e Marialuisa Trevisan non ci hanno pensato due volte, non potevano lasciarsi sfuggire una simile opportunità. Su un’area di 150 ettari quasi totalmente coltivata, solo una piccola parte è dedicata alla vite, da qui nascono poco più di 30.000 bottiglie annue, ottenute da merlot, refosco, cabernet franc per i rossi e da chardonnay, pinot grigio e sauvignon per i bianchi. In vigna si lavora riducendo al massimo l’impatto ecologico, niente diserbo chimico e lavoro quasi esclusivamente manuale. Il Merlot 2007 fermenta in acciaio a temperatura ambiente per circa 14-16 giorni, trascorre in botti di rovere da 20, 25 e 30 hl un periodo di circa 24 mesi per poi affinare in bottiglia, dopo decantazione naturale e travasi ma nessuna filtrazione, per almeno un anno. Nel calice appare rubino violaceo impenetrabile, la trama olfattiva lancia i suoi primi segnali nel frutto boschivo maturo, mora, ciliegia, amarena, prugna, poi tende verso la speziatura fine, cardamomo, menta, riflessi balsamici, cenni al mirto e alla china, leggera vaniglia, liquirizia dolce. Al gusto colpisce per la struttura e il volume, a tratti è quasi austero, il tannino importante e l’acidità solida lasciano presumere un’ottima capacità evolutiva, la chiusura è appena amarognola ma non dà fastidio, nel lascito finale appare una minima presenza vegetale ben riconducibile al vitigno. Non manca di carattere, sarà interessante riassaggiarlo fra 4-5 anni.

RECENTI

  • Masseria Cacciagalli 2012

    Masseria Cacciagalli 2012

  • Mille 2015

    Mille 2015

  • Sphaeranera 2015

    Sphaeranera 2015

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2018 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani