Lison Pramaggiore Chardonnay Bosco del Merlo 2000

Degustatore: laVINIum Valutazione: @@
Data degustazione: 07/2001


Tipologia: DOC Bianco
Vitigni: chardonnay
Titolo alcolometrico: 12 %
Produttore: PALADIN & PALADIN
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 5,00 a 7,50 euro


Esame visivo: Cristallini entrambi, di colore giallo paglierino scarico con riflessi verdolini il primo, più carico e con tendenza al verde-oro il secondo. Più magro il primo con archetti abbastanza fitti che scendono in lacrime non troppo larghe ed abbastanza lente: abbastanza consistente; più viscoso il secondo con archetti più fitti, lacrime più larghe che scendono ben lente sul bordo del bicchiere, che ha tendenza a restare grasso: quasi consistente. Esame olfattivo: Piu’ fresco il primo, dai profumi varietali più verdi di foglia di pomodoro, di fiori di acacia, di mela verde accompagnati da sentori agrumati di cedro; più giallo il secondo, nel quale prevalgono i fiori d’arancio, l’albicocca matura e nel quale gli agrumi sono più arancioni. Fini le sensazioni regalateci da entrambi. Forse più vicino ai profumi che si ritrovano nei vini di tipologia internazionale il primo, in quanto i vini più internazionali si trovano normalmente più a nord della Sicilia, forsanco più chardonnay dell’altro. Più solare senz’altro il Mandrarossa. Esame gustativo: Secchi, abbastanza caldo il Lison-Pramaggiore, caldo il Mandrarossa, abbastanza morbido il primo, quasi morbido il secondo, abbastanza fresco/fresco il primo, abbastanzxa fresco il secondo, abbastanza sapidi entrambi. Più vivacità e freschezza sotto il palato per il primo, più corpo e grassezza ritroviamo nel secondo. Le sensazioni finali sono fresche ed inappaganti per il Lison-Pramaggiore (si ha voglia di continuare), solari, appaganti/soddisfacenti per il siciliano. Un po’ più lungo il finale di quest’ultimo. Fini tutti e due ed entrambi ben ricalcanti le sensazioni olfattive. Stato evolutivo: Quasi pronto il Lison Pramaggiore Bosco del Merlo, pronto il Mandrarossa Chardonnay. Giudizio finale: Due vini a base di Chardonnay, provenienti da due regioni così diverse, dal Veneto il primo, dalla Sicilia il secondo. Li abbiamo accoppiati e comparati in quanto riteniamo riflettano entrambi molto bene l’importanza che riveste il territorio nella caratterizzazione di un vino da monovitigno. Veraci entrambi, nessuno dei due entra in contatto con contenitori in legno. Molto buoni tutti e due e dal rapporto qualità prezzo buonissimo il primo, ottimo il secondo. Da notare che i vini Bosco del Merlo sono da agricoltura biologica, cosa che sempre di più, ed a ragione, pesa sul giudizio dei consumatori. Li consigliamo entrambi… Abbinamenti: …più con antipasti di mare e primi piatti delicati il vino veneto, più con piatti importanti quali secondi piatti di pesce o anche primi piatti eleborati quali la pasta con le sarde il siciliano.

RECENTI

  • Sforzato di Valtellina Runco de Onego 2013

    Sforzato di Valtellina Runco de Onego 2013

  • Taurasi 2010

    Taurasi 2010

  • Valtellina Superiore Pietrisco 2013

    Valtellina Superiore Pietrisco 2013

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani