Jèma 2005

Degustatore: Roberto Giuliani Valutazione: @@@
Data degustazione: 10/2010


Tipologia: IGT Rosso
Vitigni: corvina veronese
Titolo alcolometrico: 13,5 %
Produttore: CESARI
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 15 a 25 euro


Due anni di sperimentazione per generare questo nuovo vino di casa Cesari, azienda storica della Valpolicella. Lo Jèma è una corvina veronese in purezza, vitigno fondamentale in questa regione vinicola, da cui nascono Amarone, Recioto, le diverse versioni di Valpolicella, il Bardolino, ma quasi sempre in uvaggio con piccole percentuali di altri vitigni come rondinella, corvinone, molinara, dindarella, oseleta o anche cabernet, merlot ecc… La corvina ha però tutte le caratteristiche per offrire grandi risultati anche in perfetta solitudine, ci sono illustri aziende che la producono come Allegrini, Accordini, Brunelli, Monte del Frà, Villabella, Zenato e altri, in alcuni casi con risultati eccellenti. L’azienda Cesari si è, dunque, voluta cimentare con questo Jèma, il cui nome sta ad indicare la gemma preziosa ma anche la gemma della vite: diradamento dei grappoli nella fase di invaiatura, per permettere una perfetta maturazione, vendemmia a fine ottobre e uve sottoposte ad appassimento per 20 giorni. Dopo la vinificazione, il vino passa in legno francese per 18 mesi, poi viene assemblato in botti più grandi dove affina per altri 6 mesi; il cerchio si chiude con un anno pieno di riposo in bottiglia. L’aspetto visivo si traduce in un rubino profondo con riflessi purpurei, all’olfatto evidenzia una presenza del legno ancora non del tutto assorbita, note vanigliate e dolci si mescolano a frutta in confettura, ciliegia, lampone, amarena, si affaccia poi una speziatura delicata e ancora in formazione, con sfumature di cannella, noce moscata e ginepro. In bocca conferma un impianto dove il legno non ha parte secondaria, molto morbido e rotondo, tannino setoso e sensazione generale di avvolgenza, si sente l’effetto della surmaturazione delle uve nei toni piuttosto dolci e maturi, non manca l’acidità ma l’impressione è di un prodotto un po’ troppo calcolato, probabilmente indirizzato a mercati nuovi, chiede tempo per liberarsi di un’impalcatura che in parte ne inibisce una più sincera espressione.

RECENTI

  • Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Cuvée del Fondatore 2016

    Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Cuvée del Fondatore 2016

  • Lambrusco Grasparossa di Castelvetro

    Lambrusco Grasparossa di Castelvetro

  • Prosecco Extra Dry

    Prosecco Extra Dry

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani