Granre Arte della Luce Rosso 2015

Degustatore: Roberto Giuliani
Valutazione: @@@@@
Data degustazione: 03/2017


Tipologia: IGT Rosso
Vitigni: barbera, croatina, uva della cascina, vespolina e altre uve rosse in piccola percentuale
Titolo alcolometrico: 17%
Produttore: SACRAFAMILIA – di Anna Mercandelli e Domenico Capeto
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: oltre i 50 euro


Sacrafamilia si trova a ridosso della SP461 in direzione di Voghera, appena usciti da Godiasco Salice Terme (Godiasco fino al 2012, poi, grazie ad un referendum cittadino è stato aggiunto “Salice Terme”, al fine di dare maggiore importanza alla presenza di questa frazione e delle numerose fonti termali). Siamo in provincia di Pavia, ma molto vicini al confine con la provincia di Alessandria, sul medio corso del torrente Staffora. È una zona particolare dell’Oltrepò, legata al casato dei Malaspina, qui vivono ancora forti tradizioni legate all’uso del piffero appenninico, della müsa (un tipo di cornamusa) e della fisarmonica, strumenti principi di tutte le feste e danze locali. Godiasco è anche nota per aver ospitato in più occasioni Filippo Tommaso Marinetti, padre del Futurismo. Da tempi lontani vaste porzioni di terreno sono sfruttate per la coltivazione di frutteti e vigneti, una tradizione consolidata di cui fanno parte anche Anna Mercandelli e Domenico Capeto. Il Granre Arte della Luce Rosso 2015 è ottenuto da una miscellanea di uve barbera, croatina, uva della cascina, vespolina e piccole percentuali di varietà locali, a indicare che qui la viticoltura è sempre stata caratterizzata dalla convivenza di più cultivar. Come tutti i vini aziendali, anch’esso non vede legno ma solo vasche in vetroresina, non viene filtrato né subisce alcun “ritocco” in cantina, secondo una filosofia che è l’emblema di questa coppia nel lavoro e nella vita. La selezione estrema in vigna degli acini migliori regala nel calice un colore rubino intenso e profondo, compatto, profumi intensi di prugna in confettura, mora, cuoio, sottobosco, resina, cannella, spezie orientali, cioccolata fondente. Al gusto è sapido, fresco, con un tannino più evidente, forti rimandi balsamici, note di ginepro e pepe alimentano il sorso; più asciutto del Grandama, rivela maggiormente la presenza dell’alcol, unico neo ad una beva strepitosa e di lunghissima persistenza.

RECENTI

  • Riviera Ligure di Ponente Granaccia Rebosso 2016

    Riviera Ligure di Ponente Granaccia Rebosso 2016

  • Ormeasco di Pornassio Peinetti 2016

    Ormeasco di Pornassio Peinetti 2016

  • Riviera Ligure di Ponente Pigato Albium 2015

    Riviera Ligure di Ponente Pigato Albium 2015

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani