Conte Lucio Ramato 2009

Degustatore: Roberto Giuliani Valutazione: @@@@@
Data degustazione: 07/2011


Tipologia: IGT Bianco
Vitigni: pinot grigio
Titolo alcolometrico: 13,5 %
Produttore: LA BELLANOTTE – Azienda Agricola di Benassi Paolo
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 15 a 25 euro


Mi viene da sorridere, pensando al fatto che nella recensione del Conte Lucio 2007 avevo sottolineato l’impossibilità per questo vino di rientrare nella Doc Friuli Isonzo a causa del suo colore ramato deciso, mentre il disciplinare ammette solo la presenza di “eventuali riflessi ramati”. Ritrovarlo nella versione 2009, come sempre IGT Venezia Giulia, ma questa volta con l’aggiunta in etichetta della dicitura “ramato”, rigorosamente con il colore corrispondente, testimonia quanto sia profondamente sentita e voluta la scelta di vinificare questo pinot grigio facendo, anzi, di quel particolare colore che emerge dal contatto con le bucce in fermentazione, motivo di orgoglio e vanto. Fra l’altro la breve sosta in legno (meno di 6 mesi) non fa che rafforzare e fissare quella straordinaria tonalità che è ormai l’emblema del Conte Lucio. E ancora una volta non posso fare a meno di restare affascinato da questo straordinario prodotto, ad essere sincero piuttosto che fare la solita descrizione dei sentori e degli aromi, preferisco raccontarvelo più su un piano squisitamente emozionale, perché in qualche modo è un vino diverso, puro, capace di sottrarti a qualsiasi distrazione per divenire unico e imperativo elemento di attenzione. Se al naso spicca in originalità di profumi, regalando un’infinità di sensazioni (in questo preciso momento sono ammaliato dal richiamo al miele di melata di bosco del Carso, l’ho assaggiato più volte e ricordo le note di frutta secca e caramellata che emanava appena aperto), al palato ti costringe a riconoscerlo protagonista assoluto, saranno i piatti a doversi piegare al vino e non viceversa. L’abbinamento va visto così, il Conte Lucio deve avere l’ultima parola, o l’ultimo sorso se preferite, perché è davvero grande ed è lui che deve chiudere con i suoi sapori intensi e raffinati. Non dico altro.

RECENTI

  • Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Cuvée del Fondatore 2016

    Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Cuvée del Fondatore 2016

  • Lambrusco Grasparossa di Castelvetro

    Lambrusco Grasparossa di Castelvetro

  • Prosecco Extra Dry

    Prosecco Extra Dry

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani