Collio Friulano 2018

Collio Friulano 2018 PighinDegustatore: Roberto Giuliani
Valutazione: @@@@
Data degustazione: 08/2019


Tipologia: DOC Bianco
Vitigni: friulano
Titolo alcolometrico: 13,5%
Produttore: PIGHIN
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 10 a 15 euro


La famiglia Pighin ha una lunga storia vitivinicola, oggi dispone di 160 ettari nella Tenuta di Risano, nella zona del Friuli Grave, e di 30 nella Tenuta di Spessa di Capriva nell’area del Collio. È da quest’ultima che arriva il Friulano 2018, ottenuto da vigneti posti sulla classica “ponca”, terreno composto da rocce marnose friabili, 4.000 piante per ettaro allevate a Guyot con basse rese. Il vino viene vinificato in vasche di acciaio inox termocondizionate per 20 giorni, a temperatura controllata tra i 16 e i 20 °C.
Anche la fase evolutiva si svolge solo in acciaio, a temperatura costante di 12 gradi.
Nel calice ha un bel colore paglierino intenso con evidenti riflessi verdolini; colpisce subito al naso per un evidente profumo di ortica, al quale si affianca la ginestra e nuances di salvia. Bastano pochi secondi per sentire arrivare anche note fruttate, dove emergono la susina, spunti agrumati e di melone invernale.
L’assaggio regala un tessuto dagli accenti minerali e agrumati, richiami alla mandorla su una base piacevolmente sapida, devo dire che guadagna in profondità se bevuto a temperatura un po’ più elevata, diciamo 13-14 gradi. Qualcuno storcerà il naso, ma vi assicuro che questa è la temperatura ideale per coglierne tutte le sfaccettature, del resto se lo degusterete in una giornata rovente come quella odierna (29 gradi dentro casa), il vino vi sembrerà ben fresco anche a 14 gradi.

RECENTI

  • Montefalco Rosso 2016

    Montefalco Rosso 2016

  • Cuvée Secrète 2017

    Cuvée Secrète 2017

  • Terra minuta 2017

    Terra minuta 2017

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2019 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati
È vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani