Chianti Classico Malaspina 2013

Chianti Classico Malaspina 2013 Castello di StardaDegustatore: Roberto Giuliani
Valutazione: @@@
Data degustazione: 03/2020


Tipologia: DOCG Rosso
Vitigni: sangiovese 95%, merlot 5%
Titolo alcolometrico: 13%
Produttore: CASTELLO DI STARDA
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 10 a 15 euro


Siamo tra le colline che guardano a Gaiole in Chianti, in un borgo le cui origini risalgono al 1100; al Castello di Starda, fatto erigere dai Conti Guidi, si produce vino, olio e grappa, grande importanza viene data all’ospitalità, con appartamenti decorati in stile rustico, con l’immancabile camino e una terrazza fornita di barbecue, mentre all’esterno sono immersi in un giardino con piscina. La parte accoglienza è così importante che sul sito aziendale non c’è una sezione dedicata al vino. Eppure Castello di Starda dispone di 8 ettari vitati, dai quali nascono il Malaspina, la versione Riserva e il Vin Santo.
La versione 2013 del Malaspina (dal nome della storica famiglia), che viene maturato in grandi botti di rovere nella cantina quattrocentesca, situata nei sotterranei del castello, si offre di colore granato con ancora bei riverberi rubini.
Impatto generoso al naso, con un bel ventaglio fruttato dove emerge la ciliegia sotto spirito, ma anche tracce di viola e ribes, una punta di tabacco e liquirizia. Al palato denota una certa rusticità, un alcool leggermente pungente e un tannino non finissimo, ma a suo favore a un frutto ampio e succoso che restituisce una sensazione piacevole. Un “classico” Chianti Classico, di quelli di una volta, beverino, stuzzicante, perfetto per la cucina tipica toscana.

RECENTI

  • Eloro Nero d’Avola Sergio 2018

    Eloro Nero d’Avola Sergio 2018

  • Sicilia Moscà 2019

    Sicilia Moscà 2019

  • Nethun Bianco 2019

    Nethun Bianco 2019

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2020 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati
È vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani