Cerealto Bianco 2018

Cerealto Bianco 2018 Terre di CerealtoDegustatore: Roberto Giuliani
Valutazione: @@@@
Data degustazione: 11/2020


Tipologia: IGT Bianco
Vitigni: johanniter 60%, bronner 40%
Titolo alcolometrico: 13,5%
Produttore: TERRE DI CEREALTO
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 15 a 25 euro
Vino BIO:


Il Cerealto 2018, alla sua seconda annata, è stato prodotto in 4.036 esemplari, da due vigneti che occupano 0,64 (Johanniter) e 1,30 (Bronner) ettari a un’altitudine che supera i 700 metri s.l.m., in un territorio incontaminato che si affaccia sulle Piccole Dolomiti. Una delle caratteristiche dell’azienda Terre di Cerealto è quella di avere puntato esclusivamente alle varietà PIWI, è la prima in Veneto; di recente è stata impiantata in un altro appezzamento di 0,7 ettari la varietà Souvignier Gris, anch’essa di origine tedesca, ideata nel 1983 dal Dr. Norbert Becker, incrociando il Cabernet Sauvignon con il Bronner.
Tutto il vigneto è lavorato in biologico certificato Icea; la maggior parte dei trattamenti fitosanitari è stata eliminata mentre vengono utilizzati solamente principi attivi di origine naturale, estratti vegetali, microrganismi o insetti utili, che favoriscono la sostenibilità ambientale.
La vendemmia del Johanniter è precoce e le viti si caratterizzano per una produzione elevata, grappoli di medie dimensioni, che nel momento di piena maturazione assumono un colore giallo-verde con piccoli punti neri sulla buccia. Il vitigno fornisce un’ottima spalla acida e profumi.
Il Bronner è in grado di resistere molto bene a Peronospora e oidio, fornisce struttura e un’acidità media.
Il Cerealto, dopo la pressatura soffice seguita da chiarifica statica, sosta 7 mesi sulle fecce fini, con frequenti bâtonnages, a cui seguono 6 mesi di affinamento in bottiglia.
Il risultato è un vino dal colore oro lucente, che profuma di erbe di montagna, pompelmo, limone, leggera mela cotogna, pera Kaiser, una sfumatura di lievito e riverberi minerali.
Al palato è intenso, con viva freschezza ma senza quelle asperità di certi riesling troppo giovani, delicatamente pepato torna a far sentire l’agrume frammisto a suggestioni speziate su una base piacevolmente sapida.

RECENTI

  • CASAL DRAGONE

    CASAL DRAGONE

  • Mesicaseu Bianco da uve stramature

    Mesicaseu Bianco da uve stramature

  • Solenida 2015

    Solenida 2015

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2020 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati
È vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani