Carmignano Terre a Mano 2010

carmignano-2010-artDegustatore: Roberto Giuliani
Valutazione: @@@@@
Data degustazione: 07/2016


Tipologia: DOCG Rosso
Vitigni: sangiovese 75%, cabernet sauvignon 15%, canaiolo 10%
Titolo alcolometrico: 14 %
Produttore: BACCHERETO – Fattoria di Bacchereto
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 25 a 50 euro


Ho conosciuto Rossella Bencini Tesi una dozzina di anni fa, arrivai in azienda durante una bella giornata di sole, non faceva caldissimo e intorno si poteva ammirare il paesaggio collinare ricco di boschi e vegetazione. All’interno del casale la temperatura era indubbiamente più fresca, la sensazione che ho avuto è stata di un ambiente molto naturale, perfettamente integrato nel territorio quasi selvaggio. Ho assaggiato tutta la produzione, l’eccellente Vin Santo, uno dei più buoni di tutta l’area carmignanese, il bianco Sassocarlo, ottenuto da trebbiano e malvasia del Chianti, lavorato sulle fecce fini e maturato in barrique, infine il Carmignano, mi pare fosse un 2006, da sottolineare che l’azienda ha abbracciato da molto tempo l’agricoltura biodinamica. Mi resi subito conto che i vini di Rossella meritavano un lungo periodo in bottiglia per essere apprezzati in tutta la loro complessità. Per questa ragione amo conservare sempre qualche bottiglia per aprirla a distanza di almeno 3-4 anni, o anche più. Questo 2010, ottenuto da sangiovese con un’aggiunta di cabernet sauvignon e canaiolo, maturato in tonneaux usati per 18 mesi, rivela un colore granato ancora vivo e luminoso, un manto di profumi intensi e profondi, fiori appassiti, mora di gelso, prugna, ciliegia nera, liquirizia, tabacco, cardamomo, sentori di sottobosco. L’impatto all’assaggio è ancora più incisivo e ricco di suggestioni, tutto appare in perfetta armonia, il frutto si interseca magnificamente con la speziatura regalando emozioni forti e persistenti, il legno è ormai del tutto inserito in una tavolozza di sensazioni che sembrano non voler terminare più. Non so se sia una bottiglia fortunata, ma non credo, l’esperienza mi ha insegnato che i vini di Bacchereto hanno potenzialità notevoli e dànno il meglio con il passare del tempo. Da provare con tagliatelle al ragù di cinghiale, faraona ai porcini.

RECENTI

  • Ghemme 2010

    Ghemme 2010

  • Colline Novaresi Nebbiolo San Quirico 2011

    Colline Novaresi Nebbiolo San Quirico 2011

  • CA’ NOVA

    CA’ NOVA

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2018 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani