Birichèn

Birichèn Al di Là del FiumeDegustatore: Alessio Atti
Valutazione: @@@@
Data degustazione: 04/2023


Tipologia: IGT Bianco
Vitigni: grechetto gentile
Titolo alcolometrico: 11%
Produttore: AL DI LÀ DEL FIUME
Bottiglia: 750 ml
Prezzo medio: da 14 a 17 euro


A sud della città di Bologna si alzano i Colli Bolognesi, in realtà alcune strade cittadine non sono pianeggianti e qualche abitazione sorge già sulle prime alture.
Se costeggiamo il fiume Reno, verso la sorgente, ci troveremo sulla Strada Statale 64 Porrettana che congiunge la città felsinea con Pistoia. L’orizzonte non appare più piatto e malinconico, poco oltre Marzabotto, sempre in provincia di Bologna, usciamo dalla SS64, ci inoltriamo su strade dove Ciao a volte appare il cielo altrimenti nascosto, dietro colline boscose. La nostra meta è oltre il Reno, bisogna attraversarlo, quasi come lasciarsi alle spalle un mondo per entrare in un altro. E così è ogni volta che si esce dall’ambiente urbano, la natura ci avvolge e il silenzio ci accompagna, il cinguettio sostituisce il frastuono di marmitte, i profumi sostituiscono l’odore della frenesia e tutto rallenta, si adagia ai ritmi del ciclo naturale dei giorni, delle stagioni. I rilievi morbidi si fanno a volte più rigidi e immersa tra tutto ciò troviamo un’azienda agricola biodinamica chiamata “Al di là del fiume”, un’azienda che ha trovato su questi poggi, tra questi boschi, il perché della sua esistenza.
Mi accoglie Danila, la titolare, persona gagliarda e spigliata, sa il fatto suo e non lo nasconde, si discute di cose vere, senza orpelli e fronzoli.
Siamo all’interno del Parco di Montesole, una zona tra la valle del Reno e quella del Setta che si uniranno poco più a nord, qui la storia ha lasciato diverse testimonianze, alcune tragiche.
Qui Gabriele e Danila, due quarantenni con lavoro stabile e quattro pargoli da crescere, hanno ricevuto la chiamata della terra, una chiamata che non è rimasta inascoltata
Da questa terra che già lavorata dal nonno e dal padre di Gabriele ha come voluto donarsi ancora alla progenie di quelle braccia che tanto l’avevano amata, custodita e lavorata.
Dal 2005 quindi la coppia decide di cambiare vita e si inventa contadina, scelta difficile, meravigliosa, avventurosa.
La filosofia che contraddistingue quest’azienda è diventata il motivo di tante scelte che stanno ripagando le iniziali fatiche.
Danila mi spiega che prendersi cura della terra è come prendersi cura di se stessi, solo con un percorso univoco si possono capire le strade da percorrere, strade per ritrovare per un’armonia perduta. L’azienda agricola “Al di la del fiume” è certificata con Demeter, l’unica dei Colli Bolognesi, dispone di un’osteria e di un agriturismo dove prendersi cura delle persone e della loro terra.
Ma intanto si aprono bottiglie e tra una chiacchera e un’altra si degustano i vini aziendali, tutti sorprendenti. Mi lascia però un bellissimo ricordo, forse per le parole dette in quel preciso momento, forse perché il crepuscolo stava capitando, un bianco che sull’etichetta dice “Birichèn” in dialetto bolognese birichino, bambino vivace e malizioso.
Il vino è ottenuto da uve Grechetto Gentile, le stesse con le quali si fa il blasonato Pignoletto per intenderci, raccolte i primi di settembre per garantire ancora una certa acidità, viene fatto macerare per 5 giorni poi passa in vasche di acciaio per la prima fermentazione. Messo in bottiglia con l’aggiunta di mosto conservato dall’anno prima, rifermenta sui i propri lieviti.
Vino non filtrato quindi di colore delicatamente opaco non cela la sua struttura, snella ma ricercata.
Il naso è una danza di frutti bianchi e gialli con pesca e pera su tutti, un bouquet di fiori di campo sui quali la spuntano una sincera camomilla e il fieno appena tagliato. Il sorso, piacevolissimo, svela l’acidità innata e ricercata, la bolla lieve, finissima e suadente invita presto ad un altro sorso. Discretamente persistente è, tra i vini figli di questa filosofia, uno dei più lineari ed equilibrati.
Da consumarsi con piatti di pesce fritto, salumi o anche con amici, per passare ore di spensierata piacevolezza.

RECENTI

  • Trentino Superiore Cabernet Sauvignon Maso Lizzone 2019

    Trentino Superiore Cabernet Sauvignon Maso Lizzone 2019

  • Alta Langa Brut

    Alta Langa Brut

  • Lessini Durello Brut Millesimato 2023

    Lessini Durello Brut Millesimato 2023

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2024 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati
È vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani

mdstudiowebagency - Realizzazione, Restyling, e manutenzioni siti Web
Contatti Tel. 3921585226 - E-mail: mdstudioagency@gmail.com