A.A. Pinot Nero Trattmannhof SelectArt Flora 2001

Degustatore: Roberto Giuliani Valutazione: @@@
Data degustazione: 08/2003


Tipologia: DOC Rosso
Vitigni: pinot nero
Titolo alcolometrico: 13 %
Produttore: GIRLAN
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 10 a 15 euro


Altro rosso importante che fa parte della linea SelectArt, con una deliziosa etichetta firmata da Paul Flora, il Pinot Nero Trattmannhof offre alla vista un colore rosso granato abbastanza trasparente con unghia leggermente scarica. Sulla parete del calice si formano un buon numero di archetti, omogenei e ravvicinati, che dànno luogo a lacrime rotonde e lente: abbastanza consistente-consistente. Al naso si propone di media intensità, con eleganti note di ribes, amarena e ciliegia rossa, accompagnate da nuances di sottobosco, pellame, pepe bianco e toni minerali. All’assaggio è intenso e molto pulito, stranamente meno “tipico” del Patricia, ma non per questo meno piacevole; è il frutto a dominare nella fase iniziale, proponendosi rotondo e fresco, accompagnato da una leggera amaritudine, poi arrivano le spezie, il sottobosco, sensazioni minerali e di humus, in un finale lungo e molto equilibrato. Servitelo a 17-18° nei panciuti Bourgogne Gran Cru della Riedel con una bella polenta e salsicce servita sulla spianatoia, tagliolini al sugo di lepre, codone di manzo stufato, fagianella ai funghi, muscolo di manzo brasato.

RECENTI

  • Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Cuvée del Fondatore 2016

    Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Cuvée del Fondatore 2016

  • Lambrusco Grasparossa di Castelvetro

    Lambrusco Grasparossa di Castelvetro

  • Prosecco Extra Dry

    Prosecco Extra Dry

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani