VADIAPERTI – TRAERTE

Indirizzo: Contrada Vadiaperti – 83030, Montefredane(AV)
Telefono: +39 0825 607270
Fax: +39 0825 607270
WWW: www.vadiaperti.it
Email: info@vadiaperti.it


laVINIum – 07/2013
Quando il 29 giugno scorso io ed altri colleghi abbiamo ricevuto una mail da Raffaele Troisi, nella quale riferiva le testuali parole “Una serie di accadimenti di lungo corso, indipendenti dalla mia volontà e dalle mie azioni, hanno posto in “impasse” Vadiaperti tanto da determinare la decisione di sospenderne, per il momento, l’attività di produzione ed imbottigliamento”, credo di poter dire anche a nome di tutti i coinvolti che la notizia ci ha lasciato di sasso.
Nonostante nel resto della mail Raffaele abbia spiegato in modo piuttosto dettagliato che il percorso continua attraverso una nuova entità che si chiama “Traerte”, fondata dagli amici Giuseppe Pisano, Claudio Ciccone e Marco Loria, quella frase ha avuto un effetto dirompente, soprattutto su coloro che da anni lo conoscono e lo seguono e in Vadiaperti riconoscono l’importanza storica, la tradizione, la cultura, il simbolo di una vitivinicoltura esemplare per il territorio irpino. Da più parti sono spuntati articoli che esprimevano disagio, sconforto o quantomeno perplessità e preoccupazione per le sorti di questa storica azienda.
Io stesso sono stato tentato di scriverne subito, a caldo, ma poi ho ritenuto, prima di correre il rischio di fraintendimenti o imprecisioni, che fosse giusto verificare di persona lo stato delle cose, parlarne direttamente con Raffaele, che si è dimostrato subito disponibile ad un incontro proprio nella sede di Vadiaperti a Montefredane.
Mi sono bastati pochi minuti per rendermi conto, nonostante le vicissitudini che lo hanno portato ad una decisione non facile, soprattutto dal punto di vista commerciale, che il suo stato d’animo è assolutamente positivo e già proiettato in avanti. Intanto è bene chiarire che dietro Traerte ci sono Raffaele, le sue vigne storiche, i suoi vini, il suo modus operandi, la sua filosofia. Anche in etichetta il marchio Vadiaperti continua ad esserci ed accompagnare il nome dei vini che tutto il mondo conosce. E questo potrebbe già rassicurare almeno in parte tutti coloro che hanno temuto un cambio sostanziale di “mano”. Non è così, neanche lontanamente.
Di fatto le problematiche prevalentemente economiche nella gestione di Vadiaperti hanno radici lontane, sin da quando a inizio degli anni ’90 Raffaele ha ereditato l’azienda di papà Antonio, e nonostante i suoi sforzi e i successi ottenuti con il passare degli anni (tuttora, nonostante la crisi, tutto il vino aziendale viene regolarmente venduto), le difficoltà non si sono mai completamente risolte.
Quella “sospensione” a cui fa riferimento Raffaele nella mail, di fatto è più su un piano pratico, oggettivamente un cambiamento come questo non è stato fatto con un semplice schiocco di dita, c’è molto lavoro dietro, riunioni, accordi, pianificazione di progetti e obiettivi, le solite e inevitabili rogne di scartoffie e burocrazia, avvicendamenti che hanno temporaneamente allontanato Raffaele dalle proprie attività abituali, soprattutto in vigna.
Ma già la situazione è in via di assestamento e il nostro laureato in chimica è pronto a ricominciare con rinnovato entusiasmo.
La proposta di Giuseppe, Claudio e Marco, quindi, è arrivata proprio al momento opportuno per consentire a Raffaele di continuare la propria attività senza doversi, almeno per ora, accollare una serie di oneri che ne hanno limitato le scelte e gli obiettivi.
Da oggi è Traerte a produrre e imbottigliare i vini, ma la “mano” è sempre quella di Raffaele, che finalmente, con maggiore serenità, potrà investire in nuovi progetti, a partire dal recupero delle vigne storiche della zona che molti contadini stanno abbandonando e sarebbe, questo sì, un vero peccato perderne il patrimonio.
Raffaele me ne ha mostrate alcune, una in particolare mi ha colpito, si tratta di un piccolo appezzamento di coda di volpe allevata a starseta, tradizionale sistema a tendone incrociato presente in numerose zone dell’Irpinia, nato in tempi in cui non si viveva di sola vigna ma, al contrario, di un’agricoltura mista, in grado di sfamare gli uomini e gli animali che usati per i lavori di campagna.
La starseta è composta da due o quattro rami intrecciati tra loro, posta ai quattro lati di un parallelepipedo alto due, tre, a volte anche quattro metri, ognuna di queste piante si trova ad una distanza più o meno equivalente alla sua dimensione.
Quella dei vigneti storici andati perduti, sostituiti dalla cementificazione, da capannoni, dalla nascita di agglomerati industriali, è una storia che tutti conosciamo e che, purtroppo, non appartiene solo a questa regione. Ma qui il patrimonio viticolo ha qualcosa di speciale, sia per l’incredibile numero di varietà, sia per la presenza di viti centenarie.
Per Raffaele, quindi, prendersi cura di questi vigneti non è solo un modo per incrementare la produzione, ma soprattutto un impegno a tutelare il patrimonio di queste terre, e oggi può farlo con maggiore serenità e disponibilità proprio grazie a Traerte. Come lui stesso afferma in un suo commento all’articolo di Luciano Pignataro: “E’ davvero così importante se queste cose io le faccia come titolare di Vadiaperti o come collaboratore e, permettetemi, ispiratore di Traerte?”.
Il punto è proprio questo, a molti è sembrato che la scelta di Raffaele rappresenti una dolorosa rinuncia, un sacrificio obbligato; nei commenti all’articolo di Pignataro si leggono espressioni come “tristezza”, addirittura “lutto”. Certo questa condizione in cui il marchio si sdoppia in Vadiaperti da una parte, come garanzia di un’identità che continua nel tempo, e in Traerte dall’altra, che diventa di fatto, almeno sul piano burocratico, l’azienda produttrice e imbottigliatrice, può indurre un certo disagio, ma non è il marchio a fare l’azienda bensì Troisi e le sue vigne, che continuerà a curare con la stessa, mai sopita, passione.
Insomma l’avventura continua, Raffaele mai e poi mai butterebbe 20 anni di esperienza, iniziata al fianco del padre quando stava ancora frequentando l’università. Tanti successi, vini di grande livello, il Fiano fra tutti, ma anche il Greco e la trascinante Coda di Volpe, ognuno proveniente dai migliori appezzamenti di proprietà, Montefredane, Montefusco e Pietradefusi, Poi c’è la Falanghina da Torrecuso e l’Aglianico da Venticano e Taurasi.

Vini degustatiAnnataPrezzoVoto
Aglianico2012da 7,50 a 10 euro@@@@
Fiano di Avellino1998N/A@@@
Fiano di Avellino Aipierti2011da 15 a 25 euro@@@@
Greco di tufo1998N/A@@@
Irpinia Coda di Volpe2011da 7,50 a 10 euro@@@@

RECENTI

  • Prosecco Extra Dry

    Prosecco Extra Dry

  • Prosecco Brut

    Prosecco Brut

  • VIGNA BELVEDERE

    VIGNA BELVEDERE

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani