Tenuta Ripalte Vermentino 2009

Degustatore: Roberto Giuliani Valutazione: @@@
Data degustazione: 09/2010


Tipologia: IGT Bianco
Vitigni: vermentino 95%, incrocio Manzoni e petit manseng 5%
Titolo alcolometrico: 13 %
Produttore: FATTORIA DELLE RIPALTE
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 7,50 a 10 euro


Chi conosce l’isola d’Elba, con tutta probabilità ricorderà quella che un tempo era conoscita come Fattoria Tobler, voluta a fine ‘800 dal conte Tobler e poi trasformata in Fattoria delle Ripalte, in piena Costa dei Gabbiani. Nel suo momento di massimo splendore era considerata la più grande impresa agricola dell’isola. Il conte svizzero, innamoratosi di questi luoghi, li aveva scelti per coltivare la sua grande passione, la vite. Con la scomparsa di Tobler e la conseguente vendita al finanziere milanese Umberto Quintavalle, la tenuta di quasi 450 ettari cambiò il suo ruolo e le vigne furono abbandonate a favore di una riserva di caccia. Piermario Meletti Cavallari (ex proprietario della famosa tenuta di Grattamacco), consapevole del patrimonio vitivinicolo di questa terra, ha preso in gestione i 12 ettari di vigna e ha operato un profondo lavoro di recupero per riportare la tenuta a produrre vino di qualità. La cantina, inaugurata di recente, è stata progettata dall’archietto Tobia Scarpa e, certamente, difficilmente passa inosservata. Il terreno dove sorgono le vigne è caratterizzato da suoli sassosi e molto drenati, in gran parte terrazzati (siamo su un altopiano di quasi 200 metri s.l.m., sopra Capoliveri), ideali per la produzione di vino di qualità. In vigna non si usano prodotti chimici di sintesi e si effettua la concimazione organica. Il Vermentino 2009, si presenta di colore dorato chiaro e luminoso, accostato al naso salta subito evidente la vicinanza al mare, i profumi salini e salmastri fanno da apripista alle note di macchia mediterranea, di mandorla e agrumi, di pesca bianca, pompelmo e susina, con qualche spunto di salvia ed erbe aromatiche. La bocca conferma la forte componente sapida e minerale, ottima freschezza e polpa di buon volume, grazie anche al contributo della permanenza a contatto con le bucce. Il finale è prolungato e riporta i toni agrumati e di mandorla.

RECENTI

  • Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Cuvée del Fondatore 2016

    Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Cuvée del Fondatore 2016

  • Lambrusco Grasparossa di Castelvetro

    Lambrusco Grasparossa di Castelvetro

  • Prosecco Extra Dry

    Prosecco Extra Dry

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani