SCHIAVENZA – Azienda Vitivinicola Schiavenza

Indirizzo: Via Mazzini, 4 – 12050, Serralunga d’Alba(CN)
Telefono: +39 0173 613115
Fax: +39 0173 613130
WWW: www.langhe.net/schiavenza/
Email: schiavenza@schiavenza.com


laVINIum – 06/2006
Avevo un anno di vita, periodo in cui certamente non mi interessavo al vino né avrei potuto prevedere che sarebbe diventata la mia principale occupazione, quando nel 1956 è nata l’azienda vitivinicola Schiavenza, in quel di Serralunga d’Alba, uno dei più importanti comuni vocati alla produzione del grande Barolo. Allora furono i fratelli Ugo e Vittorio Alessandria ad iniziare l’attività, passata poi alla generazione successiva, le figlie Enrica, Maura e il marito Luciano Pira, il quale si occupa con passione di tutto il processo produttivo, dalla vigna all’imbottigliamento.
L’azienda dispone di 8 ettari di vigneti a nebbiolo, dolcetto e barbera, distribuiti in gran parte sui crinali di Serralunga e in piccola parte a Perno, nel territorio di Monforte d’Alba. La produzione punta esclusivamente ai rossi: Dolcetto d’Alba nelle versioni base, Sorì, Vughera, Barbera d’Alba, Barolo base, Riserva, Vigneto Prapò, Bricco Cerretta, Vigento Broglio e Madonnina Perno (il più recente, ottenuto da una piccola vigna di soli 3.600 metri quadrati, La Madonnina, adiancente alla stradina che porta alla Cappella di S.Stefano in Perno, ricuperata e rinnovata da Luciano Pira, che il nonno Luigi riteneva in grado di fornire uve di grande qualità). Una chicca aziendale è l’ottimo Barolo Chinato, ottenuto da un’antica ricetta di famiglia, del quale parlerò in separata sede in un articolo dedicato a questo particolare prodotto di Langa.
L’azienda dispone anche di un proprio ristorante, dove ho avuto il piacere di mangiare più volte, a conduzione famigliare, dove è possibile apprezzare i migliori piatti della tradizione langarola, preparati con una punta di originalità a prezzi davvero onesti, in un ambiente informale e confortevole.
Per quanto riguarda i vini, le degustazioni parlano da sole, ma posso aggiungere che questa è una di quelle aziende che non si può non conoscere, va visitata per rendersi conto di come a volte le piccole realtà possano nascondere grandi tesori, e spesso finiscano con l’essere apprezzate molto più all’estero, dove sono spesso più attenti alla qualità, che non in patria. Aspettatevi vini schietti, onesti, curati nei minimi dettagli ma mai sovrastati da pratiche che ne possano alterare le caratteristiche peculiari a favore di questa o quella moda. Qui si bevono grandi Dolcetto, Barbere e, soprattutto, splendidi Barolo!

Vini degustatiAnnataPrezzoVoto
Barbera d'Alba2004da 7,50 a 10 euro@@@@
Barolo1999da 25 a 50 euro@@@
Barolo Bricco Cerretta2001da 25 a 50 euro@@@@
Barolo Riserva2005da 25 a 50 euroN/A
Barolo Riserva1999da 25 a 50 euro@@@@
Barolo Vigneto Broglio2001da 25 a 50 euro@@@@
Barolo Vigneto Broglio2005da 25 a 50 euroN/A
Barolo Vigneto Prapò1999da 25 a 50 euro@@@@
Barolo Vigneto Prapò2001da 25 a 50 euro@@@@@
Dolcetto d'Alba2004da 5,00 a 7,50 euro@@@
Dolcetto d'Alba Sorì2004da 10 a 15 euro@@@@
Dolcetto d'Alba Vughera2004da 7,50 a 10 euro@@@

RECENTI

  • Pachàr 2016

    Pachàr 2016

  • FATTORIA LAVACCHIO – Agricola Lavacchio

    FATTORIA LAVACCHIO – Agricola Lavacchio

  • Lacryma Christi del Vesuvio Rosso Territorio de’ Matroni 2015

    Lacryma Christi del Vesuvio Rosso Territorio de’ Matroni 2015

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani