Recioto della Valpolicella Classico 1997

Degustatore: laVINIum Valutazione: @@@@
Data degustazione: 10/2001


Tipologia: DOC Rosso
Vitigni: corvina 75%, rondinela 20%, molinara 5%
Titolo alcolometrico: 12+3 %
Produttore: BRUNELLI – Azienda Agricola Brunelli Luigi
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 7,50 a 10 euro


Degustazione comparativa: annate 1997 e 1999 Tempo di castagne, e con le castagne l’alternativa vinicola è: vino novello o Recioto della Valpolicella. Noi siamo per quest’ultimo, secondo perché le castagne maturano prima che i vini novelli siano disponibili sugli scaffali delle enoteche, mentre i Recioto son lì ad aspettarci già da tempo; primo perché il Recioto ci si abbina, a nostro avviso, molto meglio. Esame visivo: Limpido e già di grande concentrazione visiva il primo, quasi cristallino ed un po’ più trasparente il secondo. Di colore rosso rubino con lieve tendenza al granato entrambi anche se il primo ha qualche nuance violacea residua, sembrando quasi più giovane del fratello più piccolo. Sui bordi del bicchiere entrambi mostrano ottima consistenza formando archetti fitti il primo, un po’ meno il secondo, che scendono in lacrime larghe e lente. Esame olfattivo: C’è una bella differenza… il primo presenta un olfatto molto intenso di frutta scura surmatura, marasca e visciola sotto spirito, uva passita, frutta secca natalizia quali prugne secche, fichi e datteri secchi. Poi spezie dolci, miele di castagno, quasi caramello e tabacco scuro. Poi ancora profumi ampi e freschi di bacca di eucalipto e mentolo. Ampio, persistente, molto seducente e di rara eleganza. Il ’99 è più fresco, il frutto è rosso, meno maturo, un po’ più fragrante, vi si trova il lampone, il ribes rosso e la ciliegia candita che si mette sulle torte. Anche i fichi sono freschi, il tabacco è biondo ed il contesto è un po’ meno intenso e meno ampio, pur sempre piacevolissimo. Esame gustativo: Amabili entrambi, quasi caldo il primo, abbastanza il secondo, pienamente morbido il primo, abbastanza il secondo. L’acidità non manca a nessuno dei due, sono definibili abbastanza fresco entrambi ed anche qualcosa di più. C’è più tannino nel primo, in ogni caso piacevole in entrambi ben arrotondato dagli zuccheri residui e dalla morbidezza glicerica. In bocca si mostra opulento, intenso, tondo il primo, più fragrante e beverino il secondo. Il finale è lungo, potente ed eccellente nel ’97, pienamente appagante; nel ’99 invece si ha voglia di rinnovare la piacevole beva. Le sensazioni olfattive sono corrisposte in entrambi i vini, si riceve al gusto proprio ciò che ci si aspettava all’olfatto. Stato evolutivo: Pronti e destinati a durare a lungo. Giudizio finale: A volte ci lamentiamo perché pratiche enologiche troppo spinte hanno uniformato al gusto internazionale vini sulla carta molto differenti, e, all’interno dello stesso vino, livellato annate differenti. Qui da Brunelli c’è invece la possibilità di apprezzare cosa significhino due annate profondamente differenti per lo stesso vino. Il Recioto 1997 è veramente frutto di un’annata eccezionale, eccellente, storica; fatene incetta se lo trovate ancora in giro e sortitelo nelle migliori occasioni. Ricorda per molti versi il Recioto Monte Lodoletta di Romano Dal Forno, ma questo costa meno della metà. Il 1999 rientra un po’ nei ranghi, continua ad essere sincero e suadente ma, per evidente minor fortuna meteorologica, non ce la fa ad eguagliare il fratello maggiore. Da servirsi in serate autunnali ed invernali a temperatura ambiente, nei bicchieri da vino del servizio della nonna, o anche in bicchieri da Sauternes o da Porto se ne avete. Abbinamenti: Abbinateli a castagne arrosto, crostate di visciole o amarene o di frutta scura in genere; pasticceria secca in genere o frutta secca. Il 1997 è anche grande vino da meditazione, degustato da solo, da soli o con i migliori amici.

RECENTI

  • Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Cuvée del Fondatore 2016

    Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Cuvée del Fondatore 2016

  • Lambrusco Grasparossa di Castelvetro

    Lambrusco Grasparossa di Castelvetro

  • Prosecco Extra Dry

    Prosecco Extra Dry

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani