Primitivo di Manduria Villa Santera 2002

Degustatore: Roberto Giuliani Valutazione: @@@
Data degustazione: 06/2004


Tipologia: DOC Rosso
Vitigni: primitivo
Titolo alcolometrico: 14 %
Produttore: LEONE DE CASTRIS
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 7,50 a 10 euro


E’ certamente il vino dal colore più intenso e profondo, rubino-violaceo, tipico di questo vitigno soprattutto se le uve, durante la macerazione, vengono tenute a contatto con le bucce per un lungo periodo per consentire un’abbondante estrazione di materia colorante. Alla prima inspirazione è subito riconoscibile per quel carattere un po’ selvatico che lo contraddistingue, al quale si affiancano note di frutta scura e ricca di polpa, ciliegia, ribes nero, ma anche mora, poi sfumature di liquirizia, eucalipto, noce moscata, pepe e caffé. Al palato è denso e concentrato, ha tannino fitto eppure già smussato da un frutto succoso e maturo che ritorna deciso e persistente. Qualche leggera amaritudine che vira verso la liquirizia e un finale che, come quasi tutti i rossi di Piernicola de Castris, riesce sempre ad essere incisivo e appagante.

RECENTI

  • Ormeasco di Pornassio Peinetti 2016

    Ormeasco di Pornassio Peinetti 2016

  • Riviera Ligure di Ponente Pigato Albium 2015

    Riviera Ligure di Ponente Pigato Albium 2015

  • Riviera Ligure di Ponente Vermentino Vigna Sorì 2016

    Riviera Ligure di Ponente Vermentino Vigna Sorì 2016

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani