Primitivo di Manduria Dolce Naturale Il Madrigale 2001

Degustatore: Maurizio Taglioni Valutazione: @@@@
Data degustazione: 06/2003


Tipologia: DOC rosso dolce
Vitigni: primitivo
Titolo alcolometrico: 13,5%+5,5 %
Produttore: MANDURIA – Consorzio Produttori Vini e Mosti Rossi Manduria
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 10 a 15 euro


Come lui il calore del sole di Puglia non lo racchiude nessuno, si chiama primitivo ed é un vitigno forte, che ha saputo crescere in una terra da sempre povera d’acqua, contorcendosi sotto il sole ma resistendo; talmente forte che quasi non necessita di trattamenti chimici antiparassitari, poco verderame e non si ammala più; non necessita di sostegno, resiste da solo ai venti di scirocco, produce pochi grappoli e per giunta spargoli, insomma, un vitigno che madre natura ha votato alla qualità e che storicamente, purtroppo, è stato utilizzato più che altro per rafforzare o colorare vini più deboli, che nascevano a più alte latitudini. Ora basta. Lo si vinifica, lo si imbottiglia e lo si propone sul mercato sempre più spesso in purezza, da apprezzare per quello che realmente è, ed in questa versione dolce naturale, fornisce una delle più affascinanti immagini di sé. E’ un vino appena limpido talmente è concentrato, nero-viola intenso, consistente. Il suo profumo che si avverte anche a rilevante distanza, si propone con note fruttate di amarena sorvolate da evidente soffio alcolico che ne fanno amarena sotto spirito, poi la frutta secca, i ricordi di fichi e di mandorle, le spezie dolci quali chiodo di garofano e cannella, le note balsamiche di alloro. Al gusto è come ti aspetti, dolce, rotondo e caldo, ma di buona acidità e dall’apprezzabile tannino perfettamente smussato dalle altre caratteristiche che, polposo, ben si integra nel contesto e fornisce carattere e sostanza fruttata. Il finale è scuro, di frutta sotto spirito, di frutta secca, di spezie; morbido, avvolgente, persistente. Gran vino dolce, perfetta espressione della terra d’origine, si degusta volentieri da solo nei dopopasto serali e si accompagna perfettamente a pasticceria secca, a crostate di frutta scura, a tozzetti al cioccolato, a strudel di fichi. Servito a qualsiasi temperatura secondo i gusti e le stagioni, in piccoli calici, sorseggiando lentamente.

RECENTI

  • Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Cuvée del Fondatore 2016

    Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Cuvée del Fondatore 2016

  • Lambrusco Grasparossa di Castelvetro

    Lambrusco Grasparossa di Castelvetro

  • Prosecco Extra Dry

    Prosecco Extra Dry

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani