PODERE VENERI VECCHIO

Indirizzo: Via Veneri Vecchio, 1 – 82037, Castelvenere(BN)
Telefono: +39 081 5198242, +39 329 4145420
Fax: +39 081 5198242
WWW: www.venerivecchio.com
Email: commerciale@venerivecchio.com


laVINIum – 11/2009
Non sono molte le aziende gestite da agronomi, e quando capita può essere un bel vantaggio, poiché non c’è persona più adatta a valutare se un terreno è idoneo alla viticoltura di qualità, se la sua composizione è ideale per fare vini importanti. L’agronomo è, inoltre, in grado di adottare soluzioni tecniche compatibili con la salvaguardia delle risorse naturali, quindi di operare per il rispetto dell’ambiente.
Raffaele Annicchiarico è un esperto nella ricerca e nell’analisi dei prodotti agroalimentari, e di quello che concerne la sicurezza degli alimenti. In particolare ha una notevole esperienza nella microbiologia alimentare e nei processi di trasformazione. La sua azienda si trova a Castelvenere, nel beneventano, un podere costruito con tufi grigi ricavati dal terreno circostante dove sono coltivate le vigne. Raffaele ha ben chiari i principi con cui gestire le vigne: il lavoro è improntato alla salvaguardia della fertilità naturale del terreno, pertanto sono banditi i fertilizzanti e i diserbanti chimici, quando se ne presenta la necessità, si opera con la tecnica agronomica del sovescio, che prevede la semina tra i filari di una leguminosa che ha un particolare rapporto simbiotico con un microrganismo, il rhizobium, in grado di fissare l’azoto atmosferico, favorendo il processo di crescita delle piante.
Quando sopraggiunge la primavera, le leguminose ormai adulte vengono interrate, affinché restituiscano al terreno l’azoto precedentemente fissato dal batterio e tutti quegli elementi di cui le piante sono costituite, ottenendo così una fertilizzazione naturale del terreno. E’ dunque in vigna che si creano le basi, le fondamenta per il vino che verrà, in cantina si lavorerà esclusivamente con lo scopo di salvaguardare al meglio il frutto di tanto lavoro. Anche qui, si riducono al minimo gli inteventi tecnici: nessuna filtrazione per mantenere integre le caratteristiche dei vini, quasi nessun intervento di stabilizzazione e solo delle leggere chiarificazioni.
Quattro sono i vini prodotti, un bianco e tre rossi, tutti ottenuti dai vitigni tipici della zona, come il grieco e il cerreto per il bianco, l’aglianico, il piedirosso, il sangiovese e la barbera del Sannio (che in realtà è la barbetta) per i rossi.

Vini degustatiAnnataPrezzoVoto
Il Nigrum2006da 7,50 a 10 euro@@@
Perdersi e Ritrovarsi2005da 10 a 15 euro@@@@
Sannio Rosso Il Rutilum2006da 7,50 a 10 euro@@@
Tempo dopo Tempo2007da 7,50 a 10 euro@@@

RECENTI

  • Prosecco Extra Dry

    Prosecco Extra Dry

  • Prosecco Brut

    Prosecco Brut

  • VIGNA BELVEDERE

    VIGNA BELVEDERE

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani