Perdersi e Ritrovarsi 2005

Degustatore: Roberto Giuliani
Valutazione: @@@@
Data degustazione: 11/2009


Tipologia: IGT Rosso
Vitigni: aglianico 70%, piedirosso 30%
Titolo alcolometrico: 13 %
Produttore: PODERE VENERI VECCHIO
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 10 a 15 euro


Diciamo subito che il “Perdersi e Ritrovarsi” presenta una particolarità di una certa rilevanza, ovvero che proviene da viti che sono allevate a piede franco, senza quell’innesto americano che fu necessario introdurre nei vigneti per impedire ulteriori disastri ad opera della fillossera. E’ ottenuto da aglianico 70% e piedirosso 30%, vinificati in fermentini a temperatura controllata, la macerazione avviene a contatto con le bucce per 25-30 giorni, con frequenti rimontaggi giornalieri. Successivamente maturano in acciaio con le proprie fecce, con batonnages settimanali, poi passano un periodo di 18 mesi in botticelle di rovere francese e americano di 225 e 300 litri. Anche questo rosso non subisce filtrazioni ma solo una leggera chiarificazione. Alla vista ha un colore rubino cupo e profondo, profondità che ritroviamo perfettamente all’olfatto, un profumo fitto e intenso, che passa dalla viola passita alla mora, alla ciliegia e alla prugna mature, note di cacao, pepe e liquirizia, sfumature di china. Al palato ha un impatto deciso, tannino di grana fine ancora incisivo, una buona polpa fruttata sostenuta da una evidente dose di freschezza; chiude la buona persistenza con una sfumatura amaricante.

RECENTI

  • Esperides Nero d’Avola 2017 – Di Bella

    Esperides Nero d’Avola 2017 – Di Bella

  • Esperides Catarratto 2017 – Di Bella

    Esperides Catarratto 2017 – Di Bella

  • DI BELLA

    DI BELLA

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2018 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani