Orcia Ciriè 2009

Degustatore: Roberto Giuliani Valutazione: @@@@
Data degustazione: 04/2014


Tipologia: DOC Rosso
Vitigni: sangiovese 60%, merlot 40%
Titolo alcolometrico: 14 %
Produttore: PODERE ALBIANO
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 10 a 15 euro


Per questo vino ottenuto da due uve che vengono spesso accoppiate, non solo in Val d’Orcia, la vinificazione è avvenuta in modo differenziato: per il sangiovese sono state utilizzate botti grandi di rovere, mentre per il merlot serbatoi inox a gravità naturale. Anche per la maturazione si è applicata la stessa procedura, per il merlot c’è stato un successivo trasferimento in barrique nuove e di secondo passaggio, per un breve periodo. Chiude il ciclo un affinamento di 6 mesi in bottiglia. Il colore è rubino intenso con unghia che accenna a tonalità granate, segno evidente della diversa capacità antocianica dei due vitigni; al naso emerge chiaro il frutto di bosco frammisto a cacao e spezie dolci, non senza qualche riverbero floreale e di erbe aromatiche, marasca e ciliegia si alternano regalando sensazioni piacevoli e accattivanti, grazie anche a un delicato corredo speziato dove emerge il cuoio. Al palato dimostra di avere un’ottima materia, buona freschezza e tannino fine e misurato, il fondo sapido e la perfetta corrispondenza aromatica mantengono vivo il finale, persistente, con chiusura di liquirizia e toni balsamici.

RECENTI

  • Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Cuvée del Fondatore 2016

    Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Cuvée del Fondatore 2016

  • Lambrusco Grasparossa di Castelvetro

    Lambrusco Grasparossa di Castelvetro

  • Prosecco Extra Dry

    Prosecco Extra Dry

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2017 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani