Morgento Oppida Aminea 2003

Degustatore: laVINIum
Valutazione: @@@
Data degustazione: 04/2005


Tipologia: IGT Bianco
Vitigni: fiano, coda di volpe, coda di pecora, falanghina
Titolo alcolometrico: 12,5 %
Produttore: FRATELLI MURATORI – OPPIDA AMINEA
Bottiglia: 750 ml
Prezzo enoteca: da 5,00 a 7,50 euro


Il Morgento è ottenuto dai vitigni a bacca “gialla”, tipici della terra del Sannio: diverse varietà di uva coltivate da secoli sulla stessa terra, nello stesso ambiente, ciascuna con le proprie peculiarità. Un vino dalla veste giallo paglia, cristallino, di media consistenza. Complesso l’uvaggio dal quale è ottenuto ed altrettanto complesso l’olfatto: è fine e variegato nella proposta, che si sviluppa su profumi floreali, agrumati, aromatici e rinfrescanti, seguiti da note più morbide di miele e spezie. Vi si riconoscono il cedro di Amalfi e gli agrumi giallo-arancio, l’ananas, i fiori di arancio, le note aromatiche di salvia e, dopo l’ossigenazione, una punta di anice. Al palato si rivela di media struttura, nel complesso equilibrato, abbastanza caldo e di buona morbidezza, bilanciato da media acidità e da note sapide decisamente minerali in evidenza. La masticazione ne conferma le sensazioni olfattive ed il finale è di buona persistenza. Un vino la cui beva gratifica ed insieme invita alla riprova, confermandosi nitido, pulito, solare e dalla inconfondibile impronta mediterranea o più precisamente, tirrenica. Va gustato ad inizio pasto, ad una temperatura di circa 10°C circa, stappandolo al momento di servire e versandolo in calici dalla forma a tulipano; abbinato a frutti di mare, ad antipasti e primi piatti di pesce.

RECENTI

  • Masseria Cacciagalli 2012

    Masseria Cacciagalli 2012

  • Mille 2015

    Mille 2015

  • Sphaeranera 2015

    Sphaeranera 2015

Testata registrata presso il Tribunale di Roma (n. 146/09 del 4 maggio 2009) © 2000-2018 laVINIum.com - Tutti i diritti riservati E' vietata la copia anche parziale del materiale presente in questo sito. Il collegamento al data base della rivista è vietato senza esplicita autorizzazione della direzione editoriale.
Direttore Responsabile - Maurizio Taglioni / Direttore Editoriale - Roberto Giuliani